Tuttosport – Milan, avanza Ricketts: ecco chi è il patron dei Chicago Cubs

Thomas Ricketts, imprenditore statunitense, sarebbe uno dei soggetti interessati ad entrare in società con Yonghong Li nel Milan: conosciamolo meglio

di Daniele Triolo, @danieletriolo

L’edizione odierna del quotidiano ‘Tuttosport’ ha evidenziato come il Milan sia al centro di trattative che dovrebbero presto portarlo ad avere una nuova proprietà. La bandiera cinese potrebbe dunque essere presto ammainata e, al suo posto, sul tetto di ‘Casa Milan’, potrebbe essere issata quella a stelle e strisce degli Stati Uniti d’America.

Dopo il viaggio di Marco Fassone (amministratore delegato), David Han Li (direttore esecutivo) e Lorenzo Giorgetti (direttore commerciale) a Londra, dove sono stati raggiunti dal proprietario e Presidente del Milan, Yonghong Li, sono emersi ulteriori dettagli sui tavoli di trattativa a disposizione e visionati dall’azionista di maggioranza del club rossonero.

Già nelle scorse settimane erano emersi due dossier riconducibili a due fondi di investimento americani, l’uno con advisor BOFA-Merrill Lynch e l’altro con advisor Goldman Sachs, interessati ad entrare nel Milan inizialmente con quota di minoranza salvo poi, nell’arco di 24-36 mesi di tempo, divenire proprietari della maggioranza della società. Poi, ieri, ‘Milano Finanza’ ha svelato il nome di un altro investitore americano che vuole il Milan.

Si tratterebbe del magnate Thomas Ricketts, patron della franchigia di baseball dei Chicago Cubs, con cui ha vinto le World Series nel 2016. Ricketts avrebbe come advisor Morgan Stanley e potrebbe anche vincere la ‘volata’ all’ingresso nel Milan pur essendo stato, probabilmente, in ordine di tempo, l’ultimo ad aver messo le mani sul dossier rossonero. Han Li, ieri, è volato negli States per dare, presumibilmente, proprio un’accelerata a questa trattativa.

La curiosità tirata fuori dal quotidiano torinese è che Ricketts, che appartiene alla 66^ famiglia più ricca degli U.S.A., sarebbe legato, seppur momentaneamente a livello storico, a Sal Galatioto, advisor americano che, più di un anno e mezzo fa, stava curando l’acquisizione del Milan da Fininvest per cura della cordata cinese originaria, prima dello strappo che lanciò in solitaria Yonghong Li. Galatioto, infatti, con la sua società, ha curato nel 2009 l’acquisizione dei Chicago Cubs da parte di Ricketts per 845 milioni di dollari.

Insomma, i soldi, al 52enne Thomas Ricketts, non fanno difetto: ma basterà, un suo eventuale ingresso in società, per ‘salvare’ il Milan da un possibile verdetto negativo della UEFA? Anche perché il TAS di Losanna potrebbe non essere comunque clemente con il Diavolo: clicca qui per scoprire il perché!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy