Totti sfrattato dalla Roma, quando le bandiere salutano male

Totti sfrattato dalla Roma, quando le bandiere salutano male

Non ci sarà spazio per Totti nella Roma del prossimo anno. Il capitano è stato “sfrattato” da Monchi. A Maldini, Del Piero e altri il saluto non andò meglio

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Sigmund Freud diceva che per cominciare a vivere, a volte, serve “uccidere il padre”. C’è chi lo fa con delicatezza e chi invece con una pugnalata. Il modo in cui la Roma ha dato il benservito a Francesco Totti è una via di mezzo, una serie di cose non dette, ma intuibili, viziato anche dal rapporto inesistente tra il capitano giallorosso e Luciano Spalletti, scrive La Gazzetta dello Sport. Totti, però, non è l’unico che saluterà “male” la propria gente. Sono tante le bandiere che hanno detto addio non nel modo che avrebbero immaginato.

Impossibile non citare Paolo Maldini, che seppure è stato onorato dalla società con il ritiro della maglia e con una grande festa a San Siro, si è visto al momento del saluto fischiare da un gruppo di tifosi in Curva Sud, che lo accusavano di non averli rispettati. Poi, inoltre, il Milan è rimasto sempre lontano per Maldini. Prima non c’era spazio nell’era di Adriano Galliani, ora con i cinesi non c’è mai stato feeling. Sorte più simile a quella di Totti è toccata ad Alessandro Del Piero, che propose di firmare in bianco, ma Andrea Agnelli non accolse la proposta. Di bandiere così, però, ce ne sono tante: da Gigi Riva a Giancarlo Antognoni, ma all’estero anche Iker Casillas e Raul, scacciati dal Real Madrid.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

ESCLUSIVA PM – Zavaglia: “Totti poteva andare al Milan. Niang? Che affare…”

Gandini: “Totti è fantastico. E’ come Maldini e Baresi”

Champions, Buffon eguaglia Paolo Maldini

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy