Shevchenko: “Entusiasta del Milan. Con Maldini e Leonardo è tornata la serenità”

Andriy Shevchenko, ex attaccante rossonero, ha concesso una lunga intervista alla “Gazzetta dello Sport”, in cui ha parlato del derby tra Milan e Inter

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Andriy Shevchenko, ex attaccante del Milan e attuale commissario tecnico dell’Ucraina, ha concesso una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport: “Quello che è successo a Genova è una tragedia. Sarà una partita particolare per l’Italia, ma anche per noi. Nel crollo è morta tanta gente, ricordiamocelo sempre. Essere lì con l’Italia è stata una mia richiesta, è un modo di testimoniare la vicinanza con il popolo italiano che è sempre stato amichevole con gli ucraini”

Capocannoniere anche al primo anno da giocatore del Milan, impresa non facile.

“È vero, e l’Italia mi ha segnato in tanti modi. In Italia ho incontrato mia moglie, in Italia è nato il mio primo figlio Jordan… Ho festeggiato proprio a Genova, con un gol alla Samp. Sono legato a Genova anche per questi bei ricordi: avevo passato la notte a Milano in ospedale con Kristen, ero tornato mezzo addormentato, mi hanno mandato a riposare e ho faticato a sentire la sveglia… Quando sono arrivato sul pullman per Marassi erano già tutti lì a ridere: ero in ritardo, stanchissimo, ma anche con tanta energia nuova addosso. E poi ripenso alle partite giocate contro l’Italia, a quella del Mondiale 2006 per esempio”.

È per questo che da c.t. si è scelto uno staff molto italiano, con Mauro Tassotti vice e Andrea Maldera assistente tattico?

“Tassotti mi ha dato tantissimo, ho avuto un rapporto speciale con lui già dai primi tempi al Milan. È una persona bella, corretta, intelligente e preparata. Capisco che per lui non sia stato facile scegliere di venire a lavorare a Kiev, ma ci siamo trovati benissimo. E Andrea è un ragazzo splendido, molto professionale. Averli nello staff mi fa stare tranquillo. Condividiamo tante cose”.

Lei sta costruendo qualcosa, però anche Mancini è dovuto ripartire dopo la delusione del Mondiale mancato: come giudica questa Italia?

“Una squadra in progresso. Mancini è un allenatore esperto, ha vinto tanto, sa che cosa serve. Ho visto le ultime quattro gare dell’Italia: il c.t. sta cercando la formula giusta e in queste amichevoli può provare giocatori diversi. Il calcio italiano è in ripresa, c’è un passaggio, un cambio generazionale ma il talento non manca. E il valore degli allenatori italiani è riconosciuto nel mondo: per tanto tempo sono mancati i soldi per ingaggiare le star, così i tecnici si sono inventati soluzioni nuove, hanno curato ancora di più la tattica, hanno lanciato nuove metodologie di allenamento. Sono esempi da seguire. I tecnici hanno arricchito il calcio italiano”.

Intanto però la Juve sta ammazzando il campionato: concorda?

“La Juve con Cristiano Ronaldo si è rinforzata ancora e più che mai può pensare a vincere tutto, però c’è competizione. E io sono entusiasta del Milan che finalmente ha trovato la direzione. Con Paolo Maldini e Leonardo è tornata la serenità, c’è una serietà enorme, è stata fatta una buona campagna acquisti, si dà fiducia all’allenatore. Nessuno dice che devono vincere la Champions League, sono in costruzione, ma stanno tornando ad essere competitivi. Tutto questo mi dà soddisfazione, la serietà e la professionalità di questo Milan mi rendono orgoglioso. Devono lavorare, ma torneranno in alto”.

Si può costruire un grande Milan con Gattuso?

“Perché no? Rino non è solo carattere. Ha dimostrato di essere un allenatore che sa aggiungere qualcosa alla squadra”.

Le piace Cutrone?

“Anche l’anno scorso avevo detto che era bravo. Trova sempre il gol e per un attaccante il gol è fondamentale. In più, poter lavorare con campioni come Higuain aiuta a migliorarsi”.

Quando il Milan ha ingaggiato Higuain, lei si è detto subito entusiasta

“E come avrei potuto non esserlo? È giusto costruire una squadra pensando al futuro e inserendo anche dei giovani, ma Gonzalo è nel pieno della carriera e non finirà tanto presto di fare gol. È un giocatore abituato alla Serie A, ha già dimostrato che cosa sa fare: sposta gli equilibri, aiuta la squadra, non soltanto segnando”.

 A proposito di gol, dopo la sosta ci sarà il derby con lo scontro argentino fra Higuain e Icardi. Le piace questa Inter?

“Ha cominciato male, ma piano piano i risultati stanno arrivando. Spalletti è un allenatore solido e l’Inter ha dei giocatori di qualità, non soltanto Icardi, un grandissimo centravanti che è capitano, leader, uomo-chiave per come sa caricare i compagni”.

Milano potrà tornare in alto, come quando lei e Mancini vi giocavate le finali Champions, in ruoli diversi?

“Il mondo del calcio è cambiato, però Milano resta una città di grandi tradizioni. Vedo che sia il Milan sia l’Inter stanno ritrovando la strada giusta. Se si vuole avere successo si deve andare per gradi”.

A proposito di vecchie conoscenze, le piace il Napoli di Ancelotti?

“Ancelotti sta portando qualcosa di suo, sta cambiando con il suo stile l’impianto di Sarri che aveva fatto un grande lavoro e ne sta facendo uno altrettanto buono in Premier: spesso vado a trovare il Chelsea a Cobham e parliamo, è un piacere confrontarsi con allenatori del genere. Ho avuto la fortuna di averne tanti bravi. Carlo è diverso da Sarri, ma ha grande esperienza e sa bene che non si può trasformare tutto per renderlo più simile alle proprie idee. Nel calcio ci vuole tempo per ogni cosa”. Un altro ex attaccante del Milan ha esaltato Gonzalo Higuain: CLICCA QUI per leggere le sue dichiarazioni!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy