Scaroni: “Uefa? Va stabilita una sanzione proporzionata alla colpa”

Paolo Scaroni, presidente del Milan, nell’intervista concessa alla “Gazzetta dello Sport” ha parlato dell’incontro con l’Uefa che avverrà martedì

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Paolo Scaroni, presidente rossonero, nell’intervista alla Gazzetta dello Sport, ha parlato anche dell’audizione con l’Uefa, che avverrà martedì prossimo a Nyon: “Vado in Svizzera lunedì, l’audizione sarà martedì mattina alle nove e mezza. In queste ore invieremo tutta la documentazione e ci auguriamo che ogni cosa proceda per il verso giusto. A decidere saranno magistrati della corte europea, totalmente indipendenti. In più non hanno un compito difficilissimo: sul fatto che nel periodo tra il 2014 e il 2017 la società abbia violato i vincoli del Financial Fair play entrambe le parti concordano. Va solo stabilita una sanzione proporzionata alla colpa, come ha chiesto il Tas di Losanna. L’analisi del bilancio futuro è uno step successivo e avverrà in primavera”

Sui principi Uefa: “«Ha fatto bene a dotarsi di questo strumento, anche se certi meccanismi devono essere affinati. Buttare valanghe di soldi senza dover rendere conto a nessuno e poter giocare un campionato senza contendenti non va bene. In casi come il nostro è difficile star dentro certi parametri: se vuoi riprendere la posizione sportiva che credi ti competa, devi fare degli investimenti. Ma oggi è inutile comprare perfino Messi, se poi ti possono vietare di farlo giocare. Bisogna puntare sui giovani, crescerli a zero euro e rivenderli a 30-40 milioni è il modo migliore per realizzare profitti che poi ti permettono di fare altri acquisti. E i tifosi capirebbero”.

SCARONI HA PARLATO ANCHE DI GONZALO HIGUAIN E DELL’ESPULSIONE SUBITA CONTRO LA JUVENTUS, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy