Repubblica – Le richieste di Rangnick che hanno spaventato il Milan

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – È naufragata, come noto, la possibilità di vedere Ralf Rangnick sulla panchina rossonera. Qui qualche interessante retroscena

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Ralf Rangnick

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Quando tutto lasciava presagire un suo imminente approdo a Milano, sponda rossonera, è naufragata la trattativa tra il Milan e il manager tedesco Ralf Rangnick. Il club di Via Aldo Rossi, al contrario, ha confermato in panchina il tecnico Stefano Pioli e gli ha anche rinnovato il contratto per due anni con opzione sulla terza stagione.

Ma cosa è successo, proprio in dirittura d’arrivo, tra Rangnick e il Milan? Il quotidiano ‘Repubblica‘ in edicola questa mattina ha rivelato qualche interessante retroscena. Al Milan, infatti, avevano dato il benestare per l’ingaggio, molto alto, di Rangnick, pari a 5,5 milioni di euro netti a stagione ma avrebbero storto il naso dinanzi la richiesta di pieni poteri, da parte del tedesco, sul campo, sul mercato e persino come supervisore dell’area medica.

E mentre Pioli è stato bravo a far esplodere e, di conseguenza, innalzandone la valutazione, dei vari Theo Hernández, Ismaël Bennacer, Alexis Saelemaekers, Rafael Leão ed Ante Rebić, sembra che Rangnick (anche se da Milanello non confermano questa versione ...) avesse concesso il via libera alla cessione di qualcuno tra questi per risanare il bilancio, optando, per una loro sostituzione, per i giovani da lui richiesti.

A quel punto il fondo Elliott Management Corporation e l’amministratore delegato Ivan Gazidis hanno cominciato a maturare l’idea di fare dei decisi passi indietro … LEGGI QUI LE CIFRE ED I DETTAGLI DEL NUOVO CONTRATTO DI PIOLI CON IL DIAVOLO >>>

SEGUICI SUI SOCIAL: CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy