Lazio-Milan, le pagelle rossonere: super Kessie; Cutrone fa fatica

Franck Kessié migliore in campo nella fila del Milan secondo ‘La Gazzetta dello Sport’: tutti i voti ed i giudizi dei calciatori rossoneri

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ieri sera, allo stadio ‘Olimpico’ di Roma, il Milan ha pareggiato 1-1 in casa della Lazio (clicca qui per rivivere il nostro live), restando a -1 dai capitolini nella corsa Champions: rossoneri inizialmente in vantaggio con un’autorete di Wallace e raggiunti all’ultimo minuto di recupero da Joaquín Correa.

Proprio l’autore del tiro da cui era nato il vantaggio del Diavolo, Franck Kessié, è stato giudicato da ‘La Gazzetta dello Sport’ in edicola questa mattina come migliore in campo tra le fila del Milan. Kessié ha rimediato infatti un 7 in pagella così motivato: “Non è più quello dell’Atalanta: meno prepotente, meno offensivo, ma quando ritrova il piacere dell’incursione è sempre pericoloso. Gol compreso. Il centrocampo laziale sulla carta era superiore, ma lui e Bakayoko, alla lunga, hanno avuto la meglio”.

E proprio Tiémoué Bakayoko, insieme a Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma, Cristián Zapata e Jesús Suso si sono fermati, per la ‘rosea’, appena un passo dietro Kessié. Voto 6,5 per tutti loro. Per l’ex Chelsea, “una gara dentro la manovra, imposta e chiude con grande mobilità. Tanti piccoli interventi decisivi”; per il portiere della Nazionale Italiana, “due parate su Ciro Immobile e una, la più difficile, su Wallace”; per il centrale colombiano, “una partita dove chiude con sicurezza e tempismo su tutti i pericoli in arrivo dal centro” e, infine, per l’esterno spagnolo, “la palla per il palo di Çalhanoglu e quella per Calabria, che ha avviato l’azione del gol rossonero”.

Voto 6, invece, e sufficienza strappata per il tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, così motivato da ‘La Gazzetta dello Sport’: “Al contrario di Simone Inzaghi, comincia con mosse interessanti, tipo Çalhanoglu che si accentra, Bakayoko che va su Milan Badelj, Borini che si alza. Però rinunciare ai cambi è un errore: due sostituzioni verso il 90’ avrebbero spezzato il ritmo della Lazio, che ha invece aggredito fino al pari”. Medesimo voto, 6, per Ignazio Abate, bene da centrale, Davide Calabria, Fabio Borini e Hakan Çalhanoglu.

Da 5,5, invece, la prestazione di Ricardo Rodríguez, che non essendo centrale di ruolo ha sofferto abbastanza le incursioni, su quella fascia, del laziale Adam Maruśić. Peggiore in campo nella fila del Milan, però, per la ‘rosea’, è stato Patrick Cutrone, la cui prova è stata valutata da 5 in pagella. Ecco perché: “Una di quelle giornate non facili per motivi tattici, tecnici e di altra natura, che spesso lo costringono alla solitudine. Però è dai particolari che si giudica un attaccante: subisce Francesco Acerbi, non è mai pericoloso. E se vuole respingere Ibra …”.

A PROPOSITO DI ZLATAN IBRAHIMOVIĆ. PER LE ULTIME SUL POSSIBILE RITORNO DELLO SVEDESE AL MILAN, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy