Milan, -7 all’udienza UEFA: gli scenari plausibili per il club rossonero

Martedì prossimo, 20 novembre, il Milan sarà ascoltato dalla Camera giudicante UEFA a Nyon: ecco cosa potrebbe succedere alla società di Via Aldo Rossi

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Martedì prossimo, 20 novembre, il Milan, come ricordato dal ‘Corriere della Sera’ oggi in edicola, sarà ascoltato in udienza a Nyon (Svizzera) dalla Camera giudicante della UEFA: il club rossonero, infatti, era stato rinviato lì dalla decisione del Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna che, riammettendo a luglio i rossoneri in Europa League, aveva invitato la UEFA a ‘sanzioni più consone all’infrazione commessa’, ovvero il mancato rispetto dei parametri del Fair Play Finanziario (FFP) nel triennio 2014-2017 (gestione Fininvest).

Impossibile, per il ‘CorSera’, ad oggi, fare previsioni su quanto deciderà la UEFA, poiché mancano i precedenti. Ipotizzabili, comunque, tre scenari. Primo scenario, quello più favorevole al Milan: la UEFA concede al club meneghino l’accesso al regime di Voluntary Agreement, ed in questo caso il Milan non avrebbe alcun problema a muoversi sul mercato; secondo scenario, quello più probabile: multa al Milan per il mancato rispetto dei parametri del FFP per il triennio precedente, più possibili limitazioni alla composizione della lista UEFA (forse già a gennaio), ma Voluntary Agreement per gli anni successivi; terzo scenario, il peggiore: nessun Voluntary Agreement, né passato né futuro, poiché, avendo incassato una sanzione, non si avrebbe più diritto all’accesso. La sentenza definitiva sul Milan, comunque, non arriverà il 20 novembre stesso.

NEL FRATTEMPO, IL MERCATO DEL MILAN È IN CONTINUA EVOLUZIONE! PER LE ULTIME, IMPORTANTI NOVITÀ, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy