Montella e Galliani in coro: “Meritavamo di più”

Finisce 0-0 tra Milan e Atalanta, risultato che sta stretto ai rossoneri. Montella si lamenta anche per i troppi falli, che hanno spesso interrotto la gara.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

C’è rammarico, evidentemente, per il risultato di ieri sera. Non lo nasconde Adriano Galliani, che comunque non manca di fare i complimenti a Gian Piero Gasperini: “Non nego il rimpianto per il solo punto in due partite. Penso che meritassimo di più. Comunque non siamo in crisi”. Adesso bisognerà essere bravi a chiudere questo capitolo e concentrarsi sulla Supercoppa Italiana di venerdì. A tal proposito, l’amministratore delegato rossonero ha detto: “La Juventus è la squadra più forte, ma noi partiamo pieni di speranze”. Vincenzo Montella è altrettanto rammaricato per la partita e aggiunge: “Troppi falli hanno condizionato il gioco. Ora ho capito perché l’Atalanta è la squadra che corre di meno… Nel primo tempo non si poteva giocare, era un continuo fallo. Il pari ci sta molto stretto. Penso ci sia stato un deficit di comunicazione tra gli arbitri”.

Questo pareggio, intanto, mette a rischio il terzo posto, insidiato da Napoli e Lazio, ma Montella chiarisce: “Siamo a +5 sulla sesta”. Poi ci sarà il mercato. Carlos Bacca è stato definito incedibile da Galliani, che confessa anche di essere stato invitato a cena da Antonio Percassi. Nel menù Mattia Caldara e Roberto Gagliardini. I due piacciono a Silvio Berlusconi, scrive il Corriere della Sera, ma non ai cinesi. I bergamaschi vorrebbero cederli a gennaio e tenerli in prestito fino a giugno. Sul mercato, Galliani dice: “A gennaio succederà poco o nulla. Quello estivo dipenderà da quale sarà la proprietà”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Calciomercato: le parole di Galliani sulle strategie rossonere

Milan-Atalanta: le nostre pagelle

Leggi tutte le nostre news sulla cessione del Milan

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy