Milan-UEFA, pronto a rifare ricorso in caso di pena “non ragionevole”

Losanna ha già deciso che la pena dovrà essere proporzionale alla colpa: in caso contrario il Milan farà nuovamente ricorso al TAS

di Alessio Roccio, @Roccio92

L’udienza di due ore iniziata ieri mattina a Nyon davanti alla Camera Giudicante della UEFA, in casa Milan fa ben sperare. La presenza di Gordon Singer – e quindi della proprietà in prima persona – rendono i rossoneri maggiormente credibili rispetto a luglio, quando nessun membro della proprietà cinese si presentò.

I rossoneri, tuttavia, hanno un alleato in più in vista della sentenza definitiva attesa per inizio dicembre: il TAS di Losanna. Il Tribuna Arbitrale dello Sport ha, infatti, sconfessato la UEFA e in cassazione ha deliberato che la pena da infliggere ai rossoneri debba essere proporzionale alla colpa commessa. Dunque, in caso di sanzione “non ragionevole” – come riporta questa mattina ‘La Gazzetta dello Sport’ – il Milan farà nuovamente ricorso.

ECCO COSA SI ASPETTA IL CLUB ROSSONERO DALLA SENTENZA UEFA: PER SAPERLO, CONTINUA A LEGGERE>>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy