news milan

Milan sui Media: Berlusconi riflette, i cinesi accelerano

La Curva Sud, cuore del tifo del Milan (credits: GETTY Images)

La possibile cessione del Milan continua a tenere banco sulle pagine dei principali quotidiani, sportivi e non, italiani. Vediamo tutto nel dettaglio

Edoardo Lavezzari

Tanto Milan sui giornali di oggi, con la possibile cessione della società in primo piano, ma attenzione anche al calciomercato, vediamo tutto nel dettaglio:

LA GAZZETTA DELLO SPORT - Questioni societarie in primo piano oggi sulla "Rosea". Mentre i cinesi rimangono fiduciosi sulla riuscita dell'affare, Silvio Berlusconi ha ancora qualche dubbio: non vuole cedere il Milan per una questione affettiva. Intanto le quotazioni di Emery per la panchina salgono, con lui resterebbe anche Carlos Bacca. Capitolo calciomercato, a breve arriveranno novità importanti in difesa, con Zapata vicinissimo al rinnovo.

CORRIERE DELLO SPORT - Notizia che ha dell'incredibile stamattina sulle pagine del "CorSport" secondo cui Silvio Berlusconi starebbe ancora aspettando Mr. Bee Taechaubol per la cessione del club. Parlando di calciomercato invece attenzione a Keisuke Honda, il Milan vorrebbe rinnovare il suo contratto fino al 2020.

LA REPUBBLICA - Secondo "La Repubblica" i cinesi sono sempre più vicini al Milan il 13 giugno, lunedì prossimo, potrebbe essere il giorno giuste per le firme sul passaggio di proprietà del club. Con la nuova proprietà, almeno per il momento, Adriano Galliani dovrebbe rimanere al suo posto, ma dovrà costruire una squadra in grado di tornare in Champions League.

LIBERO - Si parla soprattutto della panchina rossonera sulle pagine del quotidiano milanese e in particolare di Cristian Brocchi, che dal suo ritiro a Formentera con la famiglia, spera ancora in una chiamata da parte del Milan.

LEGGO - Anche il free press torna sulla possibile conferma di Brocchi e spiega: se l'ex centrocampista dovesse rimanere, in attacco si punterebbe con decisione su Alessandro Matri e Leonardo Pavoletti.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso