Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

NEWS MILAN

È un Milan spento: lo Scudetto adesso è più lontano | Serie A News

Zlatan Ibrahimovic (attaccante AC Milan) deve guidare i rossoneri verso la vittoria | Milan News (Getty Images)

Il Milan di Stefano Pioli ha perso quattro delle ultime dieci partite. E Zlatan Ibrahimović segna con il contagocce. Così non può andare ...

Daniele Triolo

Il 'Corriere dello Sport' ha spiegato come il Milan di Stefano Pioli, con i numeri che ha oggi, non possa puntare allo Scudetto. Quella contro lo Spezia, lunedì scorso a 'San Siro' è stata infatti la quarta sconfitta nell'attuale campionato di Serie A. Quattro k.o. arrivati, per giunta, nelle ultime dieci partite ovvero dalla sosta di novembre ad oggi.

Senza contare che Zlatan Ibrahimović, con il gol 'last minute' sul campo dell'Udinese, ne aveva evitata un'altra. Da due mesi a questa parte il Milan è calato, in maniera sensibile e domenica sera, nel caso in cui non arrivasse una vittoria rossonera contro la Juventus dell'ex Massimiliano Allegri, il Napoli di Luciano Spalletti potrebbe tornare davanti al Diavolo.

Negli ultimi sessant'anni, ha commentato il quotidiano romano, il Milan non è mai riuscito a vincere uno Scudetto perdendo più di 4 volte in una stagione. Si fermò a quattro, infatti, la squadra dell'ultimo tricolore, nel 2011 con Allegri in panchina. Altrettanto fece quella del 1999, con Alberto Zaccheroni alla conduzione tecnica. Riprendere l'Inter è ancora possibile, ma c'è un'inquietante analogia nelle sconfitte del Milan: le rimonte incassate.

Un ragionamento che si può estendere anche al girone di Champions League. Contro il Liverpool, sia all'andata sia al ritorno, il Milan si è trovato in vantaggio e si è fatto poi battere. Lo stesso contro l'Atlético Madrid. In Serie A contro Sassuolo e Spezia da 1-0 per i rossoneri rispettivamente a 1-3 e 1-2. Contro i liguri il Diavolo ha tirato 25 volte verso la porta difesa da Ivan Provedel, mettendo a segno un solo gol.

Troppo poco. Ibra è andato al tiro quattro volte, tre delle quali fuori. Il suo digiuno a 'San Siro' pesa (non trova il gol dallo scorso 12 settembre in occasione di Milan-Lazio 2-0). Zlatan segna fuori casa, è vero, ma è troppo discontinuo e, nel frattempo, sbaglia anche calci di rigore. Non è l'unico, però, in casa Milan: dopo Ibra e Franck Kessié, contro lo Spezia ha fallito anche Theo Hernández.

Degli ultimi sette rigori tirati, il Milan ne ha falliti tre. Che si aggiungono ai nove, Europa compresa, sbagliati nella stagione 2020-2021. Insomma, per ora avere un Rafael Leão in splendida forma è l'unica buona notizia per Pioli, che dovrà presto ritrovare la squadra dell'inizio di quest'annata se vorrà avere chance di prendersi lo Scudetto ai danni dei rivali cittadini. Difesa, assalto al preferito di Maldini! Le news di mercato sul Milan >>>

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di