Milan: Mirabelli in bilico, ma il valore della rosa è cresciuto: il punto

La situazione societaria del Milan non è certamente una delle migliori, ma Massimiliano Mirabelli ha comunque messo a segno dei colpi importanti

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

In una situazione difficile e complicata come quella del Milan c’è da sottolineare anche qualcosa di positivo. Tuttosport in edicola questa mattina mette in primo piano il lavoro di Massimiliano Mirabelli, che nella scorsa estate ha speso 240 milioni di euro, facendo schizzare tranne in alcuni casi (vedi Kalinic e André Silva) il valore del parco giocatori.

GATTUSO – La scelta più azzeccata del direttore sportivo rossonero è sicuramente l’intuizione di Gennaro Gattuso (clicca QUI per leggere le sue ultime preoccupazioni). Con l’esonero di Vincenzo Montella e l’approdo di Rino sulla panchina rossonera la squadra ha cambiato marcia, conquistando 44 punti in 24 partite con una media di 1.83 a gara. Questo ha permesso di far emergere il valore di alcuni calciatori che sembravano inizialmente essere dei flop.

CALHANOGLU – L’esempio più lampante non può che essere che Hakan Calhanoglu. Il turco nella gestione Montella sembrava un corpo estraneo alla squadra, mentre con Gattuso è completamente rinato, diventando uno dei punti fermi. Stesso discorso vale anche per Lucas Biglia e Franck Kessié. Inoltre tra i meriti di Mirabelli ci sono anche i rinnovi di Davide Calabria, Patrick Cutrone e Alessio Romagnoli. Insomma, non è tutto da buttare, anche se sembra sempre più vicino il ritorno in società di un ex del passato: clicca QUI per saperne di più!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy