Milan, la crisi continua: Il Benevento è la nuova Cavese

Milan, la crisi continua: Il Benevento è la nuova Cavese

Il Milan non riesce ad uscire dalla crisi: il pareggio subito all’ultimo secondo dal Benevento è uno dei punti più bassi della storia rossonera

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Come sottolinea La Gazzetta dello Sport, il lunedì appena trascorso è stato un giorno molto difficile per tutti i tifosi rossoneri. Le foto di Alberto Brignoli, portiere del Benevento, sono finite sui giornali, sulle tv e sui social, tutto aggravato dalla consapevolezza che la squadra campana ha conquistato il suo primo punto in Serie A proprio contro il Milan. La botta del “Vigorito” non sarà facile da assorbire, in quanto la squadra rossonera era già malata da tempo.  Come detto, il pareggio contro il Benevento, arrivato in quel modo, è sicuramente uno dei punti più bassi della storia rossonera. Milan-Cavese 1-2 resta impareggiabile, ma ci sono anche Milan-Liverpool 3-3, il 4-0 del Deportivo la Coruna, la fatal Verona e così via. Insomma, la storia rossonera ha vissuto tanti trionfi e qualche tonfo, ma il Benevento, avversario non certo irresistibile, ha reso il lunedì di tutti i milanisti molto amaro.

Chi è entrato in questo vortice da pochissimo tempo è Gennaro Gattuso. Il tecnico ha pochissime responsabilità, visto che è arrivato da una settimana, ,ma l’atteggiamento che ha avuto il Milan nei minuti finali a Benevento è stato disarmante. Vedere la squadra difendere nella propria area di rigore in quel modo contro i campani è stato quasi surreale. Nella giornata di ieri il tecnico rossonero ha radunato tutte le componenti di Milanello, ribadendo alcuni concetti chiave per uscire da questa crisi: c’è bisogno di senso di appartenenza c’è bisogno di formare un blocco unico e compatto.

La Gazzetta dello Sport, però, non risparmia critiche al lavoro estivo di Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. La squadra in questa stagione non ha mai trovato un assetto stabile, tanto è vero che sono stati cambiati in continuazione modulo e giocatori, senza mai riuscire a trovare la quadra giusta. Il Milan ha speso oltre 200 milioni sul mercato, ma ha addirittura 11 punti in meno rispetto all’anno scorso: uno dei problemi principali è l’attacco, con Andrè Silva, pagato 38 milioni di euro, relegato in panchina, mentre Kalinic fino a questo momento ha fatto pochissimi gol.

Infine concludiamo con Montella. Quali sono le responsabilità del’ex allenatore rossonero? Gattuso ha puntato il dito contro la precedente conduzione tecnica, visto che in questi 10 giorni ha optato per sedute molto intense dal punto di vista fisico, come se ci fosse la necessità di rifare la preparazione estiva. Probabilmente è difficile capire quale sia la ricetta giusta e quali sono stati gli errori, tuttavia la scelta di cambiare preparatore e di effettuare un lungo casting per la sostituzione di Marra, ha creato sicuramente dei problemi. E i giocatori? Anche loro stanno deludendo su tutta la linea: gli unici che hanno una media voto sufficiente in questa stagione sono Suso e Cutrone.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

I giornali sportivi di oggi

Brocchi: “Il Milan glorioso non esiste più”

Milan, le considerazioni dopo il pareggio di Benevento

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy