Milan, Kessie il tuttofare che non riposa mai: e quella diffida che preoccupa

Il centrocampista ivoriano del Milan Franck Kessié è il tuttofare dei rossoneri: autentico stacanovista e l’uomo a cui Gattuso non può rinunciare

di Alessio Roccio, @Roccio92

Dallo scorso anno ad oggi Franck Kessié è in assoluto il calciatore più utilizzato da Rino Gattuso. Per il centrocampista tuttofare del Milan si era decisa una linea da attuare in questa stagione: prendere un giocatore in gradi di farlo rifiatare, in modo da non spremerlo per oltre 50 partite come accaduto la passata stagione.

Missione decisamente fallita a metà novembre, perché Tiémoué Bakayoko, prelevato dal Chelsea esattamente per questo scopo, si è dimostrato poco incline al calcio italiano almeno in un primo tempo, e ora che inizia a crescere e a dare segni di adattamento, l’emergenza infortuni obbliga Kessié a non poter riposare mai.

Anzi. La lunga lista di giocatori in infermeria, potrebbe stuzzicare l’idea che vede l’ex mezzala dell’Atalanta retrocedere sulla linea dei difensori, visti gli infortuni in ordine di tempo di Caldara, Musacchio e Romagnoli. Un ruolo già ricoperto a Cesena a inizio carriera, dunque, non una novità per lui. Gattuso ci penserà questa settimana in vista della trasferta delicata a Roma contro la Lazio. Domani Kessié farà ritorno a Milanello dopo gli impegni con la Costa D’Avorio e verranno valutate anche le sue condizioni fisiche.

Per altro sulla testa del centrocampista ivoriano pende la diffida, già arrivata dopo 4 gialli nelle prime 11 partite di campionato. Motivo per cui il suo ruolo potrebbe essere scelto anche in ottica futura, perché il Milan non può permettersi di perdere anche il suo giocatore di riferimento in mezzo al campo.

UNA LUNGA LISTA DI INFORTUNATI QUELLA DEL MILAN CHE HA EVIDENZIATO I LIMITI DELLA ROSA: PER SAPERNE DI PIU’, CONTINUATE A LEGGERE>>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy