Milan-Inter 0-3: “Decollo nerazzurro” | Serie A News

Il derby Milan-Inter, a ‘San Siro’, è terminato 0-3. Doppietta di Lautaro Martínez e gol di Romelu Lukaku. I nerazzurri, adesso, sono a +4 in classifica

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Lautaro Martínez Inter Milan-Inter Serie A

Milan-Inter 0-3: l’analisi del ‘Corriere della Sera’

 

Il ‘Corriere della Sera‘ oggi in edicola ha analizzato Milan-Inter, il tanto atteso derby di Milano della 23^ giornata di Serie A, terminato 0-3 per gli uomini di Antonio Conte. Il quotidiano generalista lo ha definito ‘il derby della svolta‘. Già, perché i nerazzurri, con la forza di un tornado, hanno travolto il Milan con 3 gol, scappando a +4 in classifica. Sono loro, a tutti gli effetti, i favoriti per lo Scudetto per “l’equilibrio, la solidità e la determinazione con cui vincono le partite”.

Quarta vittoria di fila per l’Inter, con un solo gol subito nelle ultime 6 partite ed un attacco che gira alla perfezione. Sono già 57 le reti segnate dai nerazzurri, miglior attacco del campionato, con la coppia Romelu Lukaku-Lautaro Martínez a quota 30 in due.

Soltanto Robert Lewandowski e Thomas Müller del Bayern Monaco hanno fatto meglio in Europa. Lukaku, capocannoniere del torneo con 17 reti, ha rifilato il suo quinto gol in 5 gare al Milan (Coppa Italia compresa), come nessun altro era riuscito a fare nell’era dei tre punti a vittoria.

Ma, per una volta, il belga ha lasciato lo scettro a Lautaro che prima ha ‘stappato’ il derby al 5′ con un colpo di testa e poi, al 57′, lo ha di fatto chiuso finalizzando e capitalizzando l’azione più bella della partita, avviata da Achraf Hakimi, orchestrata da Christian Eriksen e rifinita da Ivan Perišić per il tap-in dell’argentino.

Il Milan? È una squadra alle corde, secondo il ‘Corsera‘. Questa sconfitta tanto somiglia ad un brutto ridimensionamento. Con questo pesante k.o. in Milan-Inter, il tecnico Stefano Pioli si trova a dover gestire la 5^ sconfitta in 11 gare nel 2021, coppe comprese. La squadra non sembra più la macchina perfetta di un tempo.

I rossoneri hanno regalato un tempo all’Inter, cominciando a giocare soltanto ad inizio ripresa. Il Milan si è scontrato con un super Samir Handanović, decisivo tre volte in tre minuti sui due colpi di testa di Zlatan Ibrahimović e sulla conclusione di Sandro Tonali.

Troppo poco, però, per sperare in un risultato positivo in Milan-Inter. Ibra è poco assistito, Hakan Çalhanoğlu rappresenta, al momento, una debolezza e, con lui, falliscono la prova anche gli altri due incursori, Alexis Saelemaekers ed Ante Rebić. A centrocampo si patisce l’assenza di Ismaël Bennacer.

Senza considerare il momento no dei due centrali di difesa, Simon Kjær ed Alessio Romagnoli. Pioli deve sperare che le sue stella ritrovino al più presto la migliore condizione. Le due prossime gare, contro Stella Rossa in Europa League e Roma in Serie A, rischiano di diventare decisive. Via Meïte, il sostituto arriva dal Brasile? Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy