Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

NEWS MILAN

Milan, il gol lampo di Calabria studiato a tavolino da Pioli: ecco come

Stefano Pioli (allenatore AC Milan) alla guida dei rossoneri da ottobre 2019 | Milan News (Getty Images)

Il Milan di Stefano Pioli si distingue sul campo per il grande lavoro che si fa durante la settimana a Milanello. Il gol di Bergamo nasce così

Daniele Triolo

Il 'Corriere della Sera' oggi in edicola, parlando del Milan di Stefano Pioli, ha analizzato, in particolare, il gol lampo segnato da Davide Calabria, al 'Gewiss Stadium' di Bergamo, dopo appena 28'' di gioco. Il Diavolo non è nuovo a prodezze di questo tipo e, considerata l'efficacia di tali situazioni, sicuramente potrebbe farne vedere altre.

Il 20 dicembre 2020, come si ricorderà, in occasione di Sassuolo-Milan 1-2, i rossoneri andarono in gol dopo 6'' e 76 centesimi di gioco con Rafael Leao: tuttora è la rete più rapida segnata nella storia del campionato di Serie A. Il gol di Calabria ha ricordato quella marcatura dell'attaccante portoghese.

Ad accomunare i due gol del Milan di Pioli, infatti, per il 'CorSera' non c'è soltanto la dinamica (attacco rapido e verticale alla porta alla prima azione di gioco), bensì il fatto che entrambi sono il risultato di moderni schemi di gioco perfettamente riusciti. Dallo schieramento in campo al posizionamento del corpo, nei gol di Leao del 2020 e di Calabria nel 2021 non c’è stato nulla di casuale.

Tutto era studiato nei minimi dettagli, come ormai succede nel calcio moderno. Lo stesso Calabria, nel post-partita di Atalanta-Milan, ha ammesso di averlo preparato a Milanello. Pioli ha concepito una 'mossa a tenaglia', costruita e conclusa con due difensori. Uno, Theo Hernández, che entra in mezzo al campo come fosse un trequartista; l'altro, Calabria, che prende alle spalle la difesa, andando a segno.

Ma come funzionano queste cose a Milanello? Il quotidiano generalista ha rivelato come lo staff di Pioli, composto da quattro uomini tra cui il figlio Gianmarco, due settimane prima della partita esamina l'impostazione della squadra avversaria, valuta il suo eventuale punto debole e poi lo sottopone al tecnico. Al quale spetta il compito di studiare la strategia ideale.

Una 'giocata codificata', che si base sull'effetto sorpresa, viene dunque provata nell'allenamento di rifinitura e rivista a video nel pre-partita. Con due dettagli tecnologici: grazie alle riprese dei droni si ha una preziosa visuale d'insieme. Poi, ogni giocatore del Milan di Pioli possiedono tutte le informazioni necessarie su un'app installata su smartphone e tablet personali.

Quindi, ogni calciatore, riguardando tutto, sa esattamente cosa deve fare in quelle azioni studiate a tavolino: chi batte al centro, chi scatta, quando scatta, chi passa, chi taglia, chi calcia. Il gol 'sprint' nasce così, studiato a tavolino, caratterizzandosi per il fatto, però, che si tratta di un lavoro 'artigianale', studiato sull'avversario e non preconfezionato. Corroborato, poi, con l'ausilio della tecnologia.

Un dettaglio, questo, che dimostra ancora di più l'importanza dei match analyst nel calcio moderno. Da anni si lavora sui calci piazzati. Pioli, nel Milan, si è dimostrato innovatore, cominciando a lavorare sui particolari sin dal calcio d'inizio. Milan, grande obiettivo a centrocampo per gennaio: le ultime news >>>

tutte le notizie di