Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Brahim Diaz deve tornare a brillare nel 2022

Brahim Diaz (calciatore AC Milan) | (credits: Getty images)

Brahim Diaz da trascinatore del Milan, dopo il Covid non è più stato brillante. Dopo questa sosta deve ritrovare smalto e giocate.

Stefano Bressi

Il 2021 è finito ed è stato un anno un po' particolare in casa Milan, con alti e bassi, di cui Brahim Diaz potrebbe essere l'esempio perfetto. Inizio e fine anno difficili, con prestazioni opache, mentre la parte centrale (fine stagione scorsa e inizio della nuova) strepitose. Nel 2022 il Milan ha bisogno che Brahim Diaz torni a essere quel giocatore decisivo e che lo resti. Deve dimostrare, come scrive il CorSport, che il vero Brahim Diaz è quello.

Se la scorsa stagione comunque non era un elemento centrale e quindi era difficile esprimersi al meglio, quest'anno stava facendo benissimo fino a quando non è arrivato il Covid a metterlo fuori dai giochi. Ha saltato quattro partite e dopo essere tornato ne ha giocata solo una per intero. Evidente segnale di come la forma fisica non sia mai tornata al massimo. Di conseguenza, ha poi perso anche fiducia e smalto. Inoltre, le squadre avversarie hanno iniziato a ingabbiarlo e con il Milan privo di altri elementi fondamentali, per lui è stato tutto molto difficile.

Prima della sosta, addirittura Brahim Diaz era rimasto a sedere per scelta tecnica. La sensazione è che anche Stefano Pioli sappia che non era il vero Brahim Diaz e ora si augura che possa aver rifiatato. Questa lunga pausa, unita alla settimana di lavoro prima della ripresa, dovranno necessariamente restituire lo spagnolo classe 1999 in condizioni perfette per essere protagonista.

Insomma, questa pausa deve riportare Brahim Diaz e tutto il Milan, apparso appannato nella parte finale del girone d'andata, allo smalto iniziale. Anche recuperando gli infortunati, che dovrebbero essere disponibili da subito. Ieri intanto Davide Calabria, classe 1996, si è allenato in gruppo dopo un mese e mezzo. Ancora a parte tutti gli altri, ma la speranza di vederli a disposizione per il match del 6 gennaio resta. Queste, intanto, le notizie più importanti della mattinata di oggi >>>

tutte le notizie di