Milan, attesa infinita per la sentenza UEFA

Oggi, con tutta probabilità, si conoscerà il verdetto della Camera giudicante della UEFA nei confronti del Milan: la sanzione prevista

di Daniele Triolo, @danieletriolo

I quotidiani, sportivi e non, in edicola questa mattina, hanno parlato, quasi tutti, della sentenza che, con tutta probabilità nella giornata odierna, verrà emessa dalla Camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club di Calcio UEFA (CFCB) nei confronti del Milan, reo di aver violato, nel triennio 2014-2017, i parametri del Fair Play Finanziario.

Il club rossonero, dopo essersi visto negare, nel novembre 2017, il Voluntary Agreement e, successivamente, nello scorso mese di maggio, anche il regime di Settlement Agreement, è stato rinviato a giudizio e, nell’ultima settimana, ha aspettato di conoscere quali sanzioni saranno applicate. La più probabile, secondo ‘La Gazzetta dello Sport’, il ‘Corriere della Sera’ ed il ‘Corriere dello Sport – Stadio’, è quella di un anno di esclusione dalle coppe europee e, pertanto, il divieto di partecipare alla prossima edizione dell’Europa League conquistata sul campo, nonché una multa che dovrebbe aggirarsi intorno ai 30 milioni di euro.

Non dovrebbe esserci, secondo la ‘rosea’, l’aggravio del rientro condizionato in Europa per la stagione 2019-2020. Bella botta, comunque, per il Milan. I ‘rumors’ parlano di una sentenza già decisa da qualche giorno, ma non ancora comunicata per vari motivi: uno, perché estromettere dalle competizioni europee una squadra del blasone del Milan non è mai facile; due, perché i giudici della CFCB, che avrebbero parere unanime, vorrebbero pesare persino le virgole del dispositivo di esclusione dei rossoneri dall’Europa per non incorrere in errori o contraddizioni. Anche e soprattutto alla luce della richiesta di equità di giudizio da parte del Milan e perché il club di Via Aldo Rossi ha già preannunciato che farà ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna.

Quanto si sta decidendo a Nyon, però, ha commentato il ‘CorSera’, ha anche una ripercussione sulla trattativa per la vendita della maggioranza del Milan: in molti, soprattutto tra i tifosi, speravano che fosse la UEFA ad aspettare gli sviluppi delle operazioni a New York, magari con un verdetto più “morbido” dinanzi a un proprietario più noto e solido dal punto di vista finanziario; invece, sembrerebbe vero il contrario. Sarebbe negli USA che aspettano la decisione della CFCB, perché, con l’esclusione dalle coppe, il Milan varrebbe di meno sul mercato e Yonghong Li non potrebbe tirare più sul prezzo. Il Presidente cinese, intanto, sta mettendo in atto un vero e proprio colpo di scena. Quale? Clicca qui per tutti i dettagli!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy