La rosa del Milan adesso vale 127 milioni in più

La rosa del Milan adesso vale 127 milioni in più

La rosa del Milan è aumentata di valore nel corso della stagione. Tra i giocatori sbocciati e i migliorati adesso la squadra vale 127 milioni in più.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

La trattativa per il passaggio di proprietà del Milan è ormai alle fasi finali. Il closing è slittato di qualche giorno e sarà quindi dopo il derby del 20 novembre. I nuovi padroni, però, si affacceranno presto: Haixia Capital, fondo di investimento a partecipazione statale; Ping An Insurance, gruppo assicurativo; China Construction Bank, istituto di credito; TCL Group, colosso dell’elettronica e, infine, un quinto investitore la cui identità non è ancora nota. Silvio Berlusconi aveva avuto qualche ripensamento, visti i risultati, ma il cambio al timone è ormai certo. Lascerà, ovviamente, anche Adriano Galliani che martedì ha festeggiato i 37 anni di collaborazione con l’ex Cavaliere.

I due, però, lasciano in eredità un tesoretto importante e inaspettato, conquistato in questi ultimi tre mesi: 127 milioni, ovvero la differenza di valore tra quelo del momento e quello di inizio stagione. Se prima i 21 giocatori più usati da Vincenzo Montella valevano in totale 188,5 milioni, adesso ne valgono 315,5. Il sogno di un Milan giovane e italiano di Berlusconi stava dunque prendendo corpo. Le undici giornate giocate hanno dimostrato l’ottimo rendimento dei tanti giocatori che fino a qualche settimana fa valevano molto meno. Per Gianluigi Donnarumma, Manuel Locatelli e Davide Calabria, per esempio, la valutazione si è addirittura moltiplicata. Una loro cessione porterebbe una plusvalenza di circa 70 milioni. L’intenzione, tuttavia, è ovviamente quella di trattenerli, scrive La Repubblica. Una parte di questo tesoretto sarà dunque in realtà spesa in stipendi. Il contratto di Locatelli è già stato prolungato, sarà la nuova proprietà a dover blindare anche Donnarumma, Niang e Romagnoli.

Il caso Donnarumma è il più esplicativo: nell’estate 2015 valeva 25o mila euro, 1,5 nel novembre dello stesso anno, 12 a giugno scorso e adesso addirittura 40. Romagnoli vale, ad oggi, almeno 35 milioni, 10 in più di quanto pagato. Raddoppiata la quotazione di Niang: da 16 a 32 milioni; e quella di Suso: da 10 a 20 milioni. Dopo l’Europeo Mattia De Sciglio è passato da 6 a 15 milioni. Locatelli valeva 1,5 milioni, adesso addirittura 20. Crescita importante anche per Calabria: da 1,5 a 8 milioni. Giacomo Bonaventura da 12 a 21. Carlos Bacca, nonostante l’età, continua a far crescere il suo valore: 5 milioni in più per un totale di 35. Piccola crescita per Juraj Kucka: da 5 a 9. Sono quattro le eccezioni dei milanisti deprezzati: Keisuke Honda ha perso 2 milioni di valore, passando da 7 a 5; Josè Sosa da 8 a 6; Luiz Adriano da 8 a 6,5 e Andrea Bertolacci da 15 a 11 milioni.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Bacca non si scusa con Montella. Un gol per la pace?

Si è acceso Pasalic, ha una chance per Palermo

Il Milan parte da Bonaventura: unico giocatore sempre titolare

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy