La promessa di Meïte: “Aiuto il Milan a restare in vetta” | Serie A News

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Presentato ieri, a Milanello, il nuovo centrocampista rossonero Soualiho Meïte. “Qui c’è concorrenza, mi piacciono le sfide”

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Soualiho Meïte AC Milan

Milan, la presentazione ufficiale di Meïte

 

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Sicuro, serio e motivato. Così, secondo ‘Tuttosport‘ oggi in edicola, si è presentato ieri in conferenza stampa a Milanello il centrocampista Soualiho Meïte, classe 1994, primo rinforzo del Milan nella sessione invernale di calciomercato.

Meïte, che ha già debuttato con il Milan in occasione della vittoriosa trasferta di Cagliari, ha parlato sia del presente, sia del recente passato in granata, dove ha incontrato l’ex tecnico rossonero Marco Giampaolo. “Al Torino le cose non andavano bene, vincevamo poco – ha dichiarato il nuovo numero 18 del Diavolo -. Dal punto di vista mentale non è stato facile”.

Stefano Pioli e Marco Giampaolo hanno idee diverse – ha poi proseguito Meïte -. Non posso dire se uno è meglio dell’altro, hanno modi diversi di vedere il calcio. Con mister Pioli le cose vanno bene, con Giampaolo vanno male. A me piace molto il modo di giocare di Pioli”. Che frecciata verso le metodologie dell’allenatore di Giulianova.

Meïte arriva al Milan in un settore dove ci sono già Franck Kessié, Ismaël Bennacer, Sandro Tonali e Rade Krunić. Lui ha spiegato: “Conosco bene le mie caratteristiche. In questa squadra si muovono tutti tanto ed a me questa cosa piace. Non conosco bene i miei compagni, ma fin dal primo allenamento mi sono subito trovato bene. Il calcio è come una lingua: se la capisci va tutto bene”.

Poi ha aggiunto: “Sono venuto qui dare una mano alla squadra a restare prima in classifica. Io voglio fare sempre di più, devo lavorare tanto e dare una mano ai miei compagni. Nel calcio c’è concorrenza: io devo solo pensare a lavorare bene e forte. Devo farmi trovare sempre pronto e cercare di conquistare il posto da titolare”.

Ed a chi lo ha paragonato a Marcel Desailly, Meïte ha risposto: “Lui ha fatto grandi cose, io devo ancora scrivere la mia storia. Desailly è Desailly, Meïte è Meïte”. “Il Milan è la squadra più forte in cui ho giocato – ha incalzato l’ex granata -: ci sono tanti campioni, Zlatan Ibrahimović fa cose incredibili a 40 anni. Io sono giovane e devo fare sempre di più”.

Arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Torino, ha davanti qualche mese per guadagnarsi la conferma. “Il Milan è una grande squadra: se faccio bene posso cambiare la mia carriera – ha dichiarato Meïte -. Questi mesi saranno molto importanti. Ho sentito subito la compattezza del gruppo, parliamo tanto e mi è piaciuto tanto. A Cagliari è stato bello l’ingresso in campo”.

Il calciatore francese ha poi rivelato un retroscena di mercato: “Mi cercavano altri club, ma quando ho saputo dell’interesse del Milan sono voluto venire qui subito. Era prima della partita di campionato. Mi ha chiamato il mio agente e mi ha detto che dovevamo parlare con Paolo Maldini. Da quel momento ho capito che sarei potuto arrivare al Milan”. Calciomercato Milan: dalla Premier League il difensore del futuro? Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy