Il 2021 del Milan: Kjaer e Romagnoli non reggono più | Serie A News

Il rendimento della coppia Simon Kjaer ed Alessio Romagnoli, inferiore rispetto al 2020, tra le cause che stanno vedendo i rossoneri in netta difficoltà ora

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Simon Kjaer Alessio Romagnoli AC Milan

Kjaer e Romagnoli non sono più una diga del Milan

 

Simon Kjaer ed Alessio Romagnoli, dalla scorsa stagione, hanno blindato, più volte, la retroguardia del Milan. Anche all’inizio di questo campionato i due sembravano essere due colonne della difesa rossonera. Poi, però, qualcosa si è incrinato ed il Diavolo è andato in forte difficoltà.

Sebbene, come analizzato da ‘La Gazzetta dello Sport‘ oggi in edicola, al Milan manchino più i gol segnati, è evidente come i troppi gol subiti in questo periodo derivino da una fase difensiva tutt’altro che solida. Chi ci sta rimettendo maggiormente, nel periodo nero del Milan, sono proprio Kjaer e Romagnoli.

Il danese, per mesi, è stato sommerso di elogi ed ora è finito nel ‘frullatore’ della critica. Il capitano, invece, è bersagliato dai tifosi del Diavolo sui social. È visto come il principale responsabile della sconfitta nel derby di Milano contro l’Inter, poiché incapace di reggere il confronto fisico con Romelu Lukaku.

Kjaer è stato considerato a lungo, ha ricordato la ‘rosea‘, lo Zlatan Ibrahimović della difesa. Il suo innesto, infatti, aveva dato garanzie e solidità alla linea a quattro di Stefano Pioli. Alla lunga, però, anche lui ha perso lucidità ed i tanti infortuni non l’hanno di certo aiutato. Il tecnico si augura che sia soltanto un appannamento momentaneo del numero 24.

Anche perché, alle spalle della coppia Kjaer-Romagnoli, il Milan qualche alternativa l’avrebbe pure. Fikayo Tomori, preso in prestito con diritto di riscatto dal Chelsea a gennaio, ha fatto bene quando è stato chiamato in causa. Ha caratteristiche diverse da entrambi, potrebbe giocare al posto sia dell’uno sia dell’altro.

Poi c’è sempre Pierre Kalulu, che può giocare da centrale e da terzino destro, oltre che Matteo Gabbia. L’auspicio di Pioli, ora, è di recuperare solidità in fase difensiva. Ma non si esclude anche che il Milan possa fare a meno di Kjaer e/o Romagnoli nell’immediato futuro qualora i due dovessero continuare a non reggere. Crisi Romagnoli, Maldini individua il sostituto. Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy