Ibrahimovic, non fare come loro: quando il ritorno al Milan è stato un flop

Zlatan Ibrahimovic è vicinissimo a tornare a vestire la maglia del Milan: ma il cavallo di ritorno in rossonero è spesso stato un flop

di Alessio Roccio, @Roccio92

Quello di Zlatan Ibrahimovic è un destino che si lega indissolubilmente con la città di Milano. Il capoluogo lombardo è sempre rimasto nel cuori dell’attaccante svedese, che ha sempre dichiarato di essere andato via, ma non per sua volontà. Ora, a 37 anni, la grande occasione di tornare in rossonero e riprendersi l’affetto dei suoi ex tifosi, che non lo hanno mai dimenticato.

I CAVALLI DI RITORNO – Ricordi nitidi. I suoi gol non sono certamente facili da dimenticare, ma come ricorda questa mattina ‘La Gazzetta dello Sport’, i cavalli di ritorno al Milan non hanno mai avuto una certa fortuna. Gullit, Donadoni, Shevchenko, Kakà e Balotelli: tutti legati dallo stesso destino piuttosto deludente.

GULLIT E DONADONI – I primi due in ordine di tempo non furono nemmeno lontani parenti dei due grandi calciatori ammirati qualche anno prima. Il ‘Tulipano nero’ dal 1987 al 1993 realizzò 52 reti in 157 presenze, ma quando tornò – nel 1994 dopo essere andato alla Sampdoria – segnò solamente 4 reti in 14 presenze, litigando anche violentemente con parecchi senatori dello spogliatoio. Donadoni, nel decennio ’86-’96 divenne una vera bandiera, collezionando trofei nelle 361 gare disputate col Milan. Al suo ritorno dagli Stati Uniti nel 1997, non fu più decisivo come un tempo, ma fece in tempo a vincere – sebbene non da protagonista – lo Scudetto del ’99 con Zaccheroni.

SHEVCHENKO E KAKA’ – Più vivi sono i ricordi di Shevchenko e Kakà. Il primo andò via nel 2006, volò al Chelsea dove non giocò sugli stessi livelli ammirati in rossonero. Quando decise di tornare nel 2008, fece una stagione in prestito totalizzando 26 presenze e sole 2 reti. Il Milan ovviamente non lo riscattò. Stesso destino, ma probabilmente più dolce, per Kakà. Il brasiliano andò al Real Madrid nell’estate 2009 e dopo 4 anni in Blancos decise di tornare. Una stagione – 2013-14 – in cui segnò 9 reti e tagliò il traguardo delle 100 marcature col Milan.

BALOTELLI – Infine, l’ultimo: Mario Balotelli. Lui per la verità non lasciò un bellissimo ricordo a Milano, sebbene nella stagione 2013-14 realizzò 30 reti in 54 presenze. Quando tornò nel 2015-16 in prestito dal Liverpool, giocò poco e male: 3 gol in 23 presenze, perlopiù dalla panchina.

IL MILAN PENSA ANCHE AD ARTURO VIDAL PER IL CENTROCAMPO: IL CILENO SI SAREBBE PROPOSTO! CONTINUA A LEGGERE>>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy