Genoa, quella finale Scudetto scippata nel 1925: si giocò a Milano alle 7.00 del mattino

Attraverso le pagine di ‘Tuttosport’ viene ricordata ‘La stella negata al grande Genoa’: nel 1925 vinse il Bologna dopo ben 5 finali

di Alessio Roccio, @Roccio92

Attraverso le pagine odierne dell’edizione di ‘Tuttosport’, viene rispolverata una delle pagine più nere della storia del Genoa: “La stella negata al grande Genoa”. Secondo il ‘The Guardian’ viene definita come la più grande ingiustizia del calcio mondiale. Correva l’anno 1925, quando i tifosi del Genoa si videro scipparsi lo Scudetto ai danni del Bologna dopo ben 5 finali. Le prime due – grazie alla testimonianza di Enrico Sabatini, dirigente dei felsinei ai tempi – terminarono 2-1, con una vittoria a testa. Si giocò la bella: la cosiddetta partita incriminata.

Era il 7 giugno 1925, quando il Genoa in vantaggio per 2-0 subì l’invasione di campo dei tifosi del Bologna (per la maggior parte camicie nere). L’arbitro a fatica riuscì a far riprendere il match, che poi terminò in pareggio. In Federazione non diedero la vittoria a tavolino ai liguri, ma la fecero rigiocare. Leandro Arpinati, gerarca fascista di Bologna e amico personale di Mussolini, ebbe molta influenza sulla scelta della Federazione.

La quarta gara si giocò a Torino e terminò 1-1, mentre la quinta si giocò a Milano il 9 agosto del 1925 alle 7.00 del mattino. Una sede tenuta segreta fino all’ultimo, ma che il Bologna, al contrario, conosceva sin dall’inizio. Quella finale vide il Bologna vincere e in seguito conquistare il titolo nazionale contro l’Alba Roma.

NON PERDERTI NEMMENO UNA NEWS VERSO MILAN-GENOA: PER RIMANERE AGGIORNATO, CONTINUA A LEGGERE>>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy