Elliott tutela il Milan e prepara l’asta: ecco chi è interessato al club rossonero

Per ‘Repubblica’, di fatto il controllo del Milan è ormai del fondo U.S.A. Elliott. Per il futuro, ci sono varie ipotesi in ballo: il punto della situazione

di Daniele Triolo, @danieletriolo

L’edizione odierna del quotidiano ‘Repubblica’ ha analizzato la situazione economica e societaria del Milan spiegando, senza usare mezzi termini, come il fondo statunitense Elliott Management Corporation si stia già preparando, di fatto, a gestire il Milan archiviando la (breve) era dell’imprenditore cinese Yonghong Li.

Lo farà gradualmente, prendendo dapprima il controllo della società, come starebbe già facendo dal punto di vista finanziario, giacché, secondo il collega Enrico Currò, sarà Elliott a coprire l’intero importo dell’ultimo aumento di capitale deliberato dal Milan, ovvero 37,4 milioni di euro, necessario affinché la società rossonera termini la stagione 2017-2018. E sarebbe poi lo stesso Elliott a farsi garante, davanti alla UEFA, a Nyon, il prossimo aprile, per garantire l’iscrizione del Milan alle competizioni europee nonostante l’organismo sportivo internazionale sia scettica sui fondi ai vertici delle società di calcio.

Elliott, dunque, tutelerebbe il Milan da qualsiasi rischio. La realtà economica di Paul Singer, al contempo, però, starebbe già preparando la strada per la futura vendita del club dando vita ad una sorta di ‘asta’ per l’acquisto del club rossonero, il secondo più titolato al mondo. Il tutto mentre David Han Li, direttore esecutivo del Milan, e Marco Fassone, amministratore delegato del club di Via Aldo Rossi, si trovano a Londra ed avrebbero incontrato i consulenti della banca d’affari Merrill Lynch la quale, per ‘Repubblica’, avrebbe confermato come al momento non sia stata trovata una soluzione per rifinanziare il pesante debito di Yonghong Li nei confronti di Elliott.

Alla luce di ciò, si starebbe studiando un’uscita di scena il più onorevole possibile per Yonghong Li. Indiscrezioni dagli ambienti finanziari darebbero due fondi internazionali particolarmente interessati al ‘dossier’ del Milan: il primo, per ‘Repubblica’, porterebbe al miliardario uzbeko Alisher Usmanov, secondo uomo più ricco d’ Inghilterra che, attualmente, detiene il controllo del 30% dell’Arsenal e vorrebbe una squadra tutta sua; il secondo, invece, condurrebbe agli Emirati Arabi, e più precisamente a Saeed Al-Falasi, proprietario del gruppo International Triangle, attivo dall’immobiliare al brokeraggio.

‘Tuttosport’, poi, ha aggiunto un altro soggetto interessato alla possibile, futura trattativa con Elliott per l’acquisizione del 99,93% di A.C. Milan, ovvero Dmitrij Rybolovlev, dal patrimonio personale stimato in 9,1 miliardi di euro, patron del Monaco: il magnate russo, dopo aver acquisito un club in Belgio, vorrebbe vendere la società del Principato e starebbe guardando con molto interesse al Milan. Infine, sempre secondo il quotidiano torinese, seguirebbe le sorti del Milan anche un fondo americano non ancora ben identificato.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Cessione Milan, la Procura indaga: ecco i possibili sviluppi

Caos Milan, da Yonghong Li all’inchiesta della Procura: il punto

Bellinazzo a ‘Tutti Convocati’: “Milan, prende corpo il passaggio ad Elliott”

Repubblica – Il Milan è già sotto tutela di Elliott: il club verrà ceduto

Corriere della Sera – Milan, fallita la società cassaforte di Yonghong Li

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy