Donnarumma toglie il sonno ai cinesi

Toccherà alla nuova proprietà discutere del rinnovo di contratto di Gianluigi Donnarumma: i prossimi mesi saranno caldissimi, Juventus sullo sfondo

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Il passaggio di proprietà del Milan, da Fininvest a ‘Sino-Europe Sports’ (o, per meglio dire, tecnicamente, alla ‘Rossoneri Sport‘, holding creata ad hoc in Lussemburgo per rilevare il club di Via Aldo Rossi) avverrà, come da accordi, entro il prossimo 3 marzo. La prima, spinosa, questione che i cinesi dovranno affrontare alla guida del Milan sarà, come sottolineato ancora una volta dal ‘Corriere della Sera’, il rinnovo di contratto di Gianluigi Donnarumma.

Il 25 febbraio prossimo Donnarumma compirà 18 anni e sarà quindi maggiorenne: potrà così, finalmente, firmare un contratto di 5 anni, e non più di massimo 3 come stabilisce la regola per i giocatori minorenni, con il Milan. I rossoneri, naturalmente, vogliono tenerlo: il portiere è uno dei pilastri sul quale fondare la squadra del futuro, e questa è anche l’opinione dei cinesi. Lui, da sempre, si ritiene sostenitore appassionato del Milan, ma se basterà il cuore a scongiurare il divorzio lo si scoprirà nei mesi a venire, che saranno caldissimi.

Il suo agente, Mino Raiola, si esalta, infatti, in queste situazioni: Donnarumma, che ha i numeri per diventare l’estremo difensore più forte del mondo, toglie il sonno ai cinesi; il procuratore osserva, pronto, eventualmente, ad esaltarsi come soltanto lui sa fare in queste situazioni. Sul baby fenomeno di Castellammare di Stabia sono pronti a muoversi tutti i top club europei, soprattutto la Juventus, che segue con interesse l’evolversi della vicenda.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Verso Milan-Cagliari: tutto quello che c’è da sapere sulla sfida contro i sardi

Tutte le nostre news sulla cessione del Milan

Tutte le nostre news di calciomercato

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy