Cessione Milan – Li non rimborsa il fondo Elliott: tutti i possibili scenari

Cessione Milan – Li non rimborsa il fondo Elliott: tutti i possibili scenari

Con il mancato versamento dei 32 milioni di euro di Yonghong Li al fondo Elliott si aprono tante ipotesi sul futuro del Milan: i possibili scenari

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Il mancato rimborso di Yonghong Li al fondo Elliott, cosi come viene sottolineato dalla Gazzetta dello Sport, ha colto un po’ tutti di sorpresa, visto che il bonifico tanto atteso non è arrivato. L’imprenditore cinese dunque ha rotto uno dei covenant contrattuali e Paul Singer può iniziare le operazioni necessarie per prendersi i Milan.

SITUAZIONE – Adesso cosa succederà? E’ probabile che le varie pratiche per la riscossione del club si svolgeranno nella giornata di lunedì, visto che ieri è stato un giorno prevalentemente di attesa, con la possibilità concreta per il fondo Elliott di avere il Milan già nella giornata di mercoledì. Certo adesso il futuro di Yonghong Li è davvero appeso a un filo, ma non sono esclusi possibili colpi di scena, come ad esempio presentarsi con un nuovo proprietario che paghi a Elliott tutto il debito compreso gli interessi.

GLI SCENARI – I possibili acquirenti sono ormai quasi tutti noti: c’è Rocco Commisso (clicca QUI per capire il perchè sembra essersi defilato), la famiglia Ricketts, Stephen Ross e un Mister X asiatico o russo, che negli ultimi giorni avrebbe guadagnato parecchio terreno sugli altri. Bisogna però capire le intenzioni del fondo Elliott: con una nuova proposta di acquisto Paul Singer guadagnerebbe gli interessi maturati, ma la sensazione è che voglia tenersi il Milan in un primo momento, per poi cederlo al miglior acquirente. Insomma, la situazione per Yonghong Li è delicatissima, ma l’imprenditore ha ancora una carta da giocarsi: clicca QUI per saperne di più!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy