Calciomercato – Milan, Caio e Musacchio sono due chimere

Calciomercato – Milan, Caio e Musacchio sono due chimere

Il Milan vuole rinforzare la difesa, ma non ci sono soldi. Per Caio il San Paolo chiede 10 milioni. Frenata per Musacchio dopo il blitz studiato nel weekend

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Siamo ufficialmente entrati nei “giorni del Condor”. Le ultime ore di mercato, da sempre, sono quelle di Adriano Galliani. L’ad rossonero ha più volte dimostrato di essere capace di piazzare colpi last minute. Ultimo in ordine di tempo quello di Giacomo Bonaventura. Quest’anno, però, sarà difficile assistere a colpi teatrali. Il Milan non dispone di budget. I rossoneri restano sempre in attesa degli 85 milioni da versare da parte della cordata cinese. Arriveranno a mercato chiuso, ma forse prima del 9 settembre.

Le intenzioni del Condor sono di rinforzare la difesa. La strada, scrive La Gazzetta dello Sport, è tutta in salita. I motivi di questa ricerca di rinforzi sono da trovare nell’assenza di Cristian Zapata. La possibile partenza di Jherson Vergara lascerebbe il pacchetto arretrato composto da solo quattro giocatori Alessio Romagnoli, Gabriel Paletta, Gustavo Gomez e Rodrigo Ely. Anche quest’ultimo, tra l’altro, potrebbe partire. I nomi in ballo sono due: Rodrigo Caio e Mateo Musacchio. Il primo viene seguito da molto tempo dallo scout rossonero e si dice possa essere il nuovo Thiago Silva. Il San Paolo, però, chiede 10 milioni. Troppi. Rigidi i brasiliani anche sulle modalità di pagamento. Il Milan ha le mani legate. A meno che la nuova proprietà non decida di anticipare qualcosa.

Ritorno di fiamma, come detto, per Musacchio. I rossoneri lo hanno seguito a lungo, finchè non hanno preferito virare su Gomez. L’operazione sembrava saltata a causa della differenza tra domanda e offerta: Galliani proponeva un prestito con diritto di riscatto, mentre il Villarreal avrebbe voluto monetizzare subito. A poco è servita la volontà del giocatore. Nel weekend si era studiato un nuovo assalto, ma il Milan ha deciso di fare un passo indietro, scontrandosi con la realtà dei numeri. Alessio Romagnoli è rimasto e sono stati rifiutati 40 milioni dal Chelsea e ora il Milan non ha armi per passare all’attacco. Vedremo se il Condor opterà per un ennesimo colpo di scena.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Giudice sportivo, mano pesante con Kucka

Calciomercato, Milan sempre in pressing su Badelj, ma è dura

Cessione Milan, tutti i dettagli sul contratto

Cessione Milan: tutti retroscena sul ruolo di Gancikoff e Galatioto

Centrocampo, tutti i nomi sul piatto

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Su Google Plus

Su Telegram

 

0 Commenta qui


Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy