news milan

Anche i cinesi vogliono un Milan giovane e italiano

Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan (credits: GETTY Images)

A prescindere da chi sarà il prossimo proprietario del Milan, la squadra avrà comunque una forte connotazione giovane e italiana

Edoardo Lavezzari

"Donnarumma? Non lo vendo nemmeno per 80 milioni" Così solo pochi giorni fa Silvio Berlusconi. Il numero uno rossonero continua a ripeterlo come un mantra "Se resto voglio un Milan giovane e italiano". Un'idea, questa, che non dispiace nemmeno alla conglomerata cinese secondo "La Gazzetta dello Sport" di oggi. Da una parte i cinesi non possono permettersi spese pazze, del resto comprano con la speranza di lanciare un business profittevole e non uno a fondo perso, dall'altra le nuove regole sulla formazione della rosa non permettono di cambiare completamente una squadra.

Ecco allora che il modello di un Milan simile a quello pensato da Silvio Berlusconi prende comunque corpo, la differenza, sottolinea la "Rosea" è che i cinesi, oltre ai giovani, proverebbero anche a mettere in squadra qualche campione affermato, in modo da accelerare i tempi: il Milan ha fretta di tornare grande e tutti questi giovani devono maturare il prima possibile, farlo all'ombra dei grandi giocatori può essere più facile.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

SEGUICI

tutte le notizie di

Potresti esserti perso