news milan

RASSEGNA MILAN – Vicenda stadio, Fondazione Fiera chiede i danni alla società rossonera

Barbara Berlusconi, ad del Milan (credits: GETTY Images)

Benito Benedini, Presidente di Fondazione Fiera, ha parlato al Corriere della Sera sulla vicenda stadio: “Chiediamo i danni al Milan, dispiace per Barbara”

Daniele Triolo

"Fondazione Fiera Milano citerà in giudizio il Milan per la rinuncia a costruire lo stadio nella zona del Portello. Ne ha parlato Benito Benedini, Presidente di Fondazione Fiera, in un'intervista rilasciata al 'Corriere della Sera': “Per mitigare il danno che ci è stato causato da A.C. Milan stiamo cercando di chiudere con Vitali. Chiedere danni al Milan? Si, il danno è facile da calcolare – ha spiegato Benedini -. Stiamo parlando di un’area in diritto di superficie per cinquant’anni. Si tratta di moltiplicare per 50 la differenza tra le entrate promesse e sottoscritte e quelle reali. Ovviamente le cifre di ciascun anno vanno riportate al valore attuale. Sono molto dispiaciuto per Barbara Berlusconi che ha sempre creduto nel “Progetto stadio” al Portello. Rimpianti? Assolutamente no. Anzi. Primo: la procedura adottata è di natura privatistica semplicemente perché la fondazione è un ente di diritto privato. Le proposte pervenute sono state esaminate e discusse con grande scrupolo da parte del comitato esecutivo della fondazione, individuando la soluzione più vantaggiosa da ogni punto di vista. In vista dell’assegnazione A.C. Milan aveva assunto nei confronti della fondazione impegni sottoscritti su tutti i punti principali dell’operazione. Una fideiussione era stata prevista e accettata da A.C. Milan al momento della stesura del contratto. Evitare il tribunale? A.C. Milan avrebbe potuto a) formalizzare il diritto di recesso, da loro stessi richiesto e sottoscritto, ma non l’ha fatto (si parlava di circa dieci milioni ndr ); b) formalizzare una transazione monetaria. Via da loro stessi percorsa ma poi abbandonata; c) infine affidarsi a un arbitrato, come da stessa richiesta di A.C. Milan”.

Potresti esserti perso