Qui Juventus – Allegri: “Rispettiamo il Milan”. Chiellini e Pjaca non ce la fanno

Qui Juventus – Allegri: “Rispettiamo il Milan”. Chiellini e Pjaca non ce la fanno

Massimiliano Allegri, tecnico bianconero, ha tenuto a Vinovo la conferenza stampa di presentazione di Milan-Juventus: le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Massimiliano Allegri, tecnico bianconero, ha tenuto a Vinovo la conferenza stampa di presentazione di Milan-Juventus: le sue dichiarazioni, riprese da ‘gazzetta.it’.

Sulla partita di domani sera: “Ci vuole equilibrio e testa, rispettiamo il Milan. Una squadra che gioca con entusiasmo, coraggio e incoscienza, ecco direi che l’incoscienza non dovrebbe mancare nemmeno a noi che siamo comunque un po’ più esperti. Buffon? Con l’esperienza dei grandi giocatori è più facile vincere”.

Sugli infortunati in casa Juventus: “L’unico che potrebbe recuperare è Mandzukic, vediamo dopo allenamento. Chiellini forse per la Sampdoria, Pjaca ancora no, Marchisio è vicino al rientro. Rugani ieri in gruppo, oggi vediamo quanto dolore ha al ginocchio”.

Sul Milan: “Complimenti al Milan, sta facendo un ottimo campionato. Sono giovani, bravi, il futuro della Nazionale. E hanno un ottimo allenatore. Queste partite sono sempre equilibrate, con l’Inter eravamo favoriti ma abbiamo preso una bella legnata. Il Milan ha entusiasmo, tecnica e corsa. Serve una prestazione importante, testa, agonismo e tecnica. Occhio alle ripartenze, sono veloci e possono fare male. Per noi è uno degli scontri diretti del nostro tour de force. Non sono invidioso dei loro giovani, anche noi abbiamo Kean e Caligara. Locatelli era un bambino ma venne ad allenarsi un paio di volte con noi, si vedeva che aveva qualità”.

Su Silvio Berlusconi: “Berlusconi? Spiace che lasci il Milan, ha fatto la storia vincendo tutto, sono legato a lui affettivamente come ad Agnelli quando andrò via dalla Juventus. Ma la globalizzazione sta cambiando il mondo, l’unica squadra che ha la stessa proprietà da 100 anni è la Juventus”.

Sulla formazione bianconera: “Dani Alves? non si discute. Pjanic? Per lui è una buona stagione, deve migliorare. È stato decisivo con gol e assist. A Lione, in 10, ha dimostrato che può giocare davanti alla difesa. Higuain e Dybala hanno una buona intesa, l’unica certezza lì davanti sono loro due. Ma anche Mandzukic è importante, spero torni a disposizione e magari gioca uno spezzone di Kean. Buffon? Con l’esperienza dei grandi giocatori è più facile vincere. A Lione Buffon è come se avesse fatto 3 gol, Totti è ancora un campione un bene per il calcio”.

Sulla Juventus in Europa: “A Lione abbiamo fatto bene nei primi 10 minuti gestendo la palla, bisognava continuare a martellarli ai fianchi, ma abbiamo avuto troppa fretta, le partite durano 95 minuti. Piacerebbe anche a me essere sopra 3-0 all’ intervallo. Bisogna avere pazienza”.

Su Juan Cuadrado: “I gol dalla panchina sono determinanti. Quando costruisci la squadra le riserve possono essere più importanti dei titolari, spaccano le partite, come Cuadrado e Pjaca. Cuadrado meriterebbe di giocare titolare ma ho più bisogno di lui dalla panchina, altrimenti non ho cambi con le sue caratteristiche”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Le dichiarazioni di Vincenzo Montella in conferenza alla vigilia di Milan-Juventus

Cessione Milan, i soldi ci sono: closing il 20 novembre

Galliani: “Domani Juventus favorita; non c’è nessun caso Donnarumma”

Suso: “Con Mihajlovic clima di terrore, Montella ci ha riportato serenità”

Donnarumma: “Buffon è speciale: spero di diventare capitano del Milan”

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy