PIRLO: “Gioia più grande col Milan. Ora soffre perchè non c’è un programma”

PIRLO: “Gioia più grande col Milan. Ora soffre perchè non c’è un programma”

Pirlo ha rilasciato una lunga intervista, in cui ha parlato anche del Milan

di Gianluca Raspatelli
Andrea Pirlo Milan Italia

Andrea Pirlo ha rilasciato una lunga e interessante intervista al Corriere della Sera, in cui ha parlato anche del Milan.

Ecco le sue parole sull’avventura con Allegri alla Juve, dopo le polemiche al Milan: “Allegri mi ha telefonato per avvertirmi. Ci abbiamo messo una pietra sopra. Se non si fa così non si va da nessuna parte”.

Sugli anni alla Juve: “Straordinari”.

Ma quelli al Milan: “Irripetibili. Storici”.

Lo scudetto più bello: “Il primo con la Juve. Non abbiamo mai perso, non abbiamo mai mollato. Eppure il Milan era più forte di noi. È stato uno scudetto inaspettato: era il primo anno di Conte, la Juve era reduce da due settimi posti”.

La più grande gioia in carriera: “La gioia più grande l’ho provata col Milan a Manchester, quando abbiamo vinto la prima Champions League. Una Champions League è più importante di uno scudetto”.

Sul Milan attuale: “E’ un po’ in difficoltà. Però non è che si può cambiare allenatore ogni anno e fare la rivoluzione. Bisogna avere un programma”.

Infine i suoi allenatori preferiti: “Conte e Ancelotti. Quello di Lippi invece è un discorso a parte, al Mondiale di Germania abbiamo fatto la storia. Quando siamo a Ibiza ogni tanto vado a trovarlo a casa sua”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy