Palomba: “La UEFA ha trattato male il Milan, ecco gli scenari possibili”

Palomba: “La UEFA ha trattato male il Milan, ecco gli scenari possibili”

Auro Palomba, Il fondatore di Community Group, ha così parlato a Radio Rossonera, del particolare momento del Milan

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

Le dichiarazioni rilasciate da Auro Palomba, fondatore di Community Group, a Radio Rossonera:

Sulla mancata concessione da parte dell’Uefa del Settlement Agreement al Milan: “Le voci che giravano erano quelle ma una sentenza così dura nei riguardi del club rossonero mi ha sorpreso”.

Su cosa pensi in merito a come si possa essere arrivati a tale non concessione: “La mia ovviamente è un’idea esterna. La mia impressione è che forse Marco Fassone sia stato un po’ troppo ottimista perché magari pensava che le carte che sono state presentate bastassero anche perché banalmente sarebbero dovute bastare. Il tema qui però è un po’ diverso: l’Uefa ha chiesto al Milan che ci fosse la copertura degli aumenti di capitale che fino ad oggi comunque c’è stata ma non vedo perché debba dimostrare ora anche i prossimi. È evidente che c’è una grande insofferenza verso la nuova proprietà del Milan da parte della Uefa; sono stati utilizzati criteri ad hoc diversi da quelli utilizzati normalmente. Ad oggi la volontà dell’Uefa è vederci chiaro nel futuro economico del Milan cercando di conoscere chi sia Yonghong Li e chi ci sia dietro di lui. Lo sconcerto di Marco Fassone in tv era palese, aveva l’aria di chi oggettivamente era molto deluso ma d’altronde la delusione è comprensibile, l’Uefa ha trattato male il Milan”.

Sulla durezza del provvedimento: “L’Uefa ha chiesto delle cose al Milan che non erano interne al FPF ma le ha comunque chieste come a dire: io te le chiedo comunque e se tu non me le dai poi ti punisco. Dall’esterno la situazione appare confusa”.

Sui possibili scenari della vicenda: “Ne identifico tre. Il primo: si muove il governo cinese o Yonghong Li riesce a trovare un socio; si rifinanzia e tutto fila per il verso giusto. Il secondo: Elliott subentra immediatamente e si presenta davanti all’Uefa con piani precisi. Il terzo: si continua in questa direzione e non prevedo scenari positivi”.

In merito alla possibile esclusione del Milan dalle coppe europee: “Non so cosa succederà, di certo non mi sembra un percorso amichevole. Non credo comunque che ci sia la voglia di punire il Milan fino a quel punto”.

Sul livello comunicativo della società e della proprietà: “Si può dire qualcosa quando si ha qualcosa da dire; Marco Fassone quello che doveva dire l’ha detto. Adesso più che il momento del dire è il momento del fare, bisogna arrivare all’udienza risolvendo ogni problema. Per risolverlo, o si coprono tutti gli aumenti di capitale già adesso o subentra Elliott altrimenti si va incontro ad una sanzione. Credo inoltre che anche Fininvest in questa situazione non possa far finta di niente. Vero è che la Uefa sembra essere più severa con i club italiani mentre la vicenda Psg passa in fanteria ma il FPF invece di diminuire le distanze tra i club cosiddetti ricchi e quelli poveri l’ha aumentata”.

Da tifoso rossonero situazione preoccupante? “Abbastanza, anche se tutte le crisi possono diventare opportunità. Fassone l’anno scorso ha dimostrato di saper tirare fuori le castagne dal fuoco ma la situazione non è facile perché non mi sembra che l’Uefa sia disposta a fare sconti”.

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Ross interessato al Milan, ma nessun contatto nelle ultime settimane

Milan, Stephen Ross torna alla carica per acquistare il club

Festa: “Milan, la stangata UEFA potrebbe accelerare l’ingresso di Elliott”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-12852546 - 2 anni fa

    Ma davvero vi pare cosí strano che la Uefa voglia vederci chiaro dietro a sto Yonghong Li? A me invece pare strano che non abbia mai cercato di vederci chiaro la Lega Calcio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy