Ordine: “Milan, Higuaín non è diventato una pippa da un momento all’altro”

Ordine: “Milan, Higuaín non è diventato una pippa da un momento all’altro”

Franco Ordine, giornalista de ‘Il Giornale’, ha parlato delle prossime mosse di mercato del Milan e del momento difficile che ha vissuto Gonzalo Higuaín

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Franco Ordine, giornalista de ‘Il Giornale‘, ha parlato ai microfoni di ‘RMC Sport‘ delle prossime mosse di mercato del Milan e del momento difficile che ha vissuto Gonzalo Higuaín in questo periodo. Queste le dichiarazioni di Ordine:

Su Gennaro Gattuso: “C’era una preoccupazione nella testa di Gazidis che lo ha portato ad incontrare Gattuso, Leonardo e Paolo Maldini dopo la gara contro la Spal. Credo sia passato il momento della contrapposizione tra la proprietà di Elliott e Gattuso”.

Su Luis Muriel: “Il rapporto tra il giocatore e Pantaleo Corvino, che lo aveva lanciato a Lecce, è stato fondamentale. Questa vicenda deve comunque far capire che, sul piano della comunicazione, non bisogna far uscire notizie senza la certezza che si chiuda, altrimenti il Milan rischia di non fare una bella figura”.

Sul mercato: “L’impostazione è chiara: servono un attaccante e un centrocampista. Non credo che ci saranno novità in questo senso. Il Milan si muoverà su questi due obiettivi”.

Sul quarto posto: “Il Milan ha chiuso con 31 punti, per andare in Champions ce ne vogliono circa 71. Ne servono quindi 40 nel girone di ritorno, non sarà certamente facile”.

Su Higuaín: “I grandi giocatori non si discutono mai, possono avere delle difficoltà ma Higuaín è sempre Higuaín. Ha sempre avuto una grande media gol, ha sempre avuto numeri straordinari. Higuain non può diventare una pippa da un momento all’altro”.

INTANTO IL MILAN RAGIONA SULLA POSSIBILITÀ DI PRESENTARE UN’OFFERTA PER SERGEJ MILINKOVIĆ-SAVIĆ. PER LE ULTIME, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy