Nel segno di SAPONARA: tagli, idee, movimenti a spaccare i rossoneri

Nel segno di SAPONARA: tagli, idee, movimenti a spaccare i rossoneri

Nel 2-2 tra Empoli e Milan ha brillato la stella di Riccardo Saponara, che ieri sera ha firmato il suo 7° assist in campionato: che rimpianto per il Milan

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Saponara Empoli

Nella bella partita andata in scena ieri sera allo stadio ‘Castellani’ tra Empoli e Milan, e terminata con un giusto pareggio per 2-2, ha brillato, secondo ‘La Gazzetta dello Sport’ stamattina in edicola, la stella di Riccardo Saponara, trequartista classe 1991, che al Milan non era riuscito a trovare la sua consacrazione personale. Da quando è tornato all’Empoli, Saponara è rinato e, con tutta probabilità, in estate salperà verso altri lidi, più prestigiosi. Un rimpianto per il Milan, e per Sinisa Mihajlovic, che ad inizio stagione ha cercato, in maniera vana, un perfetto interprete per il 4-3-1-2 che aveva in mente per i rossoneri.

Saponara è abile a saltare l’uomo tra le linee, a spaccare l’equilibrio tattico con i suoi continui tagli alle spalle dei centrocampisti o in profondità ai lati dei centrali difensivi. Sono le statistiche a sottolineare l’importanza capitale che ‘Ricky’ (così come amava chiamarlo Adriano Galliani) riveste nell’economia di gioco dell’Empoli di Marco Giampaolo: con l’assist che, ieri sera, ha mandato in porta il polacco Piotr Zielinski per il gol del momentaneo 1-1, Saponara è salito a quota 7 in campionato. L’anno scorso, per esempio, si era fermato a 6. Il 70% delle marcature empolesi in questa stagione, poi, porta la firma della premiata coppia con Massimo Maccarone, tramite gol o assist.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy