Muntari a Le Iene: “Il calcio è pace, non guerra. L’arbitro doveva fermare la gara”

Muntari a Le Iene: “Il calcio è pace, non guerra. L’arbitro doveva fermare la gara”

il centrocampista del Pescara, Sulley Muntari, è stato intervistato da Le Iene in merito alla vicenda dei cori razzisti subiti a Cagliari

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

La sua squalifica è stata annullata, ora resta solo l’amaro in bocca di quello che nel calcio non deve mai succedere. Sulley Muntari, centrocampista ex Milan, ora al Pescara, è tornato sulla vicenda dei cori razzisti ricevuti a Cagliari, rispondendo alle domande de Le Iene, trasmissione in onda domani sera su Italia 1.

Ecco le sue parole: “Non è un bel gesto, è normale. Il mondo deve essere così. Quello che è successo per me non è normale. Portiamo i bambini in campo per insegnare l’educazione, l’esempio dobbiamo darlo noi: io che gioco in campo, l’arbitro, il guardalinee, tutti. Cosa è successo? Mi sono avvicinato al bambino con il tono che si usa quando parli con loro. Sicuramente lui non sa neanche quello che ha detto. Mi sono avvicinato e gli ho detto: ‘No, non si fa così, non si dice questa cosa qui’. Allora lui è scappato e ho detto: ‘No, vieni’. Ho tirato via la maglia e gliel’ho data anche per calmarlo, perché è piccolo, è troppo puro. Poi dopo me ne sono andato. Al papà non ho detto niente: sono loro che devono insegnare al piccolo qualcosa. Se insegnano, sicuramente lui cresce e diventa un uomo importante, per lui stesso, per i genitori anche, per tutta Italia e per tutto il mondo. Il calcio è una cosa di pace, non di guerra. L’arbitro? Non ha avuto le pa… per fermare la partita. Si ferma un secondo solo, perché quel tuo un secondo fa tanta differenza”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Boateng e il razzismo: “Muntari ha fatto bene a lasciare il campo”

Tavecchio: “Muntari? Cori razzisti esecrabili”

Razzismo, beffa Muntari: l’ONU lo difende, il giudice sportivo lo squalifica

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy