news milan

Montolivo all’evento Audi: “Confronto duro tra i giocatori”

Riccardo Montolivo, capitano del Milan (credits: GETTY Images)

Ecco altre dichiarazioni di Riccardo Montolivo, questa volta durante il suo intervento all'evento organizzato dall'Audi, sponsor del Milan

Edoardo Lavezzari

Queste le altre dichiarazioni in esclusiva a Milan Channel da parte di Riccardo Montolivo all'evento odierno Audi al Club Autorità a San Siro: "Abbiamo avuto un confronto lungo e acceso tra di noi. Nessun di noi è contento della situazione, ma dobbiamo responsabilizzarci e fare un esame di coscienza tutti quanti di noi. Credo e mi auguro di vedere una squadra diversa contro la Juventus. Le partite come quelle contro la Juventus, sono più semplici da preparare dal punto di vista mentale. Stiamo lavorando sui difetti della Juventus, anche se sappiamo che sono pochi. Il Mister, sotto pressione, dà sempre il meglio di se stesso. C'è voglia di dimostrare a noi stessi che il Milan è un'altra cosa rispetto a quello delle ultime partite. C'è voglia di confrontarci con la squadra più forte del campionato, consapevoli che se ci siamo con la testa possiamo fare bene e giocarcela con chiunque. Un fattore quest'ultimo dove quest'anno abbiamo peccato molto. Il collettivo sarà fondamentale: ci vuole un atteggiamento mentale completamente diverso e dobbiamo mettere in campo aggressività, voglia di vincere e di superare l'avversario".

Qui invece la seconda parte della lunga intervista pomeridiana a Milan Channel: "A inizio settimana a Milanello abbiamo avuto un confronto abbastanza lungo e anche con toni abbastanza accesi. Chiaramente nessuno di noi è contento e soddisfatto della situazione. Due punti in quattro partite non sono sufficienti per una squadra come la nostra, credo che il ritiro non sia la soluzione in assoluto, ma credo serva perchè la squadra deve responsabilizzarsi per il momento, farsi un esame di coscienza individuale e capire cosa si può dare di più e cosa non si è dato. Credo e mi auguro che sabato vedremo una squadra diversa dalle ultime partite. Queste partite sono quelle più facili di preparare dal punto di vista mentale e motivazionali. Stiamo lavorando bene sui difetti della Juve, anche se sono pochi. Il Mister è carico, sotto pressione da il meglio di se e speriamo di dare una gioia anche a lui. C'è la voglia di dimostrare a noi stessi che il Milan è un'altra cosa rispetto alle ultime partite, poi c'è la voglia di confrontarsi con quella che è la squadra più forte forse al momento negli ultimi anni. Vogliamo dimostrare che se ci siamo con la testa possiamo giocarcela anche con loro. Quest'anno forse l'aspetto dove abbiamo peccato di più è mentale. La differenza la può fare assolutamente il collettivo, con grande aggressività e voglia di vincere."

tutte le notizie di

Potresti esserti perso