Montella: “Milan? Mi serviva tempo. Cutrone una mia creatura”

Montella: “Milan? Mi serviva tempo. Cutrone una mia creatura”

Vincenzo Montella, allenatore del Siviglia, ha parlato a ‘Radio Anch’Io Lo Sport’ in onda su Radio Rai Uno: le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Vincenzo Montella, allenatore del Siviglia, ha parlato a ‘Radio Anch’Io Lo Sport’ in onda su Radio Rai Uno. Queste le sue dichiarazioni:

Sull’eliminazione del Manchester United in Champions League: “E’ stata un’emozione unica visto il prestigio della partita, quasi le stesse della vittoria in Supercoppa contro la Juventus col Milan. José Mourinho è un allenatore che stimo, ho letto i suoi libri e studiato i suoi metodi di allenamenti. Ha dimostrato anche di saper perdere perché è venuto a fare i complimenti alla squadra”.

Su Patrick Cutrone: “Sono felicissimo della sua convocazione in Nazionale, quasi come fosse stata la mia. La sento un po’ una ‘creatura’. Si intravedeva questa sua fame in ogni allenamento, abbiamo lavorato tanto su di lui. Caccia ha lavorato tanto con lui per migliorarlo e lui si distingue proprio per la voglia di migliorarsi. Questa caratteristica lo porterà lontano, anche alla titolarità in Nazionale”.

Su André Silva: “E’ arrivato giovanissimo, adesso sta facendo vedere le sue potenzialità. Talvolta si giudica i calciatori solo dal prezzo, ma per gli attaccanti che arrivano in Italia, è tutto più complicato e l’adattamento è più lento”.

Sull’esperienza al Milan: “Veniamo pagati anche per essere capri espiatori. Ho svolto al meglio il mio lavoro, commettendo qualche errore. C’erano una decina di giocatori nuovi, provenienti da altri campionati e molti senza esperienza internazionale. Qualcuno si aspettava dei risultati immediati, ma i nostri giocatori non avevano mai vinto e quindi serviva un po’ di tempo per adattarsi. Penso che avremmo dovuto aspettare, anche con i dirigenti dicevamo questo. Speravamo di partire bene per ottenere un po’ di fiducia”.

Sulla possibilità di vedere il Milan in Champions League: “Non lo so, sto seguendo pochissimo il campionato italiano. Sta facendo una grande risalita, anche perché davanti stanno rallentando sia l’Inter che la Lazio. E’ in corsa per la Champions”.

Sulla panchina della Nazionale italiana: “Sinceramente penso che allenare la Nazionale sia un sogno per tutti gli allenatori italiani. Se mi capiterà questa possibilità, a oggi non c’è, mi piacerebbe senz’altro. Penso però che al momento sia un po’ distante questa ipotesi”.

Su Gianluigi Donnarumma: “Per come l’ho conosciuto io, Gigio è una persona molto equilibrata. Sta vivendo qualcosa di grandissimo e penso che per la sua bravura spesso non gli viene perdonato qualche piccolo errore. Penso che sfrutterà al massimo le sue potenzialità. Se Reina lo spingerà ad andare via? Credo che qualsiasi grande squadra abbia il dovere di portare avanti una politica con due portieri di livello”.

Sulla difesa a tre al Milan: “E’ una questione di tempo e di adattamento per i calciatori nuovi che provenivano da altri campionati, non c’entra niente il modulo. Giocavamo così per semplificare l’adattamento”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Montella: “Milan? Non ho rimpianti. Cercavano un tecnico diverso”

Montella elimina Mourinho, le reazioni social: “Dove sono ora i criticoni?”

Dalla Spagna – Montella vuole André Silva al Siviglia

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy