news milan

Montella a PS: “C’è cuore e anima, siamo felici. Deulofeu può fare la punta”

Vincenzo Montella, tecnico del Milan (credits: GETTY Images)

Al termine della sfida del 'Dall'Ara' di Bologna, il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport

Luca Fazzini

Al termine della gara vinta contro il Bologna, Vincenzo Montella ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport.

LA PARTITA - "Ci sono dei momenti della stagione in cui i ragazzi sanno che devono dare di più. E stasera lo hanno fatto, in 9 contro 11 ma anche a parità numerica, abbiamo avuto le loro stesse occasioni, e sommando tutto abbiamo meritato la vittoria".

DEULOFEU E BACCA - "Deulofeu? Grandissima partita, è arrivato stremato come tutti. Anche da centravanti, molto bene. Ma voglio elogiare Poli, ha giocato poco ma ha dato tutto davvero. La svolta stagionale? Ci voglio credere, i ragazzi hanno dato il cuore, tutto per vincere. E sono felice per questo. L'abbraccio a Bacca? Ho abbracciato tutti, non ricordo nello specifico. Gli screzi fanno parte del gioco e del carattere di ognuno di noi".

I VALORI DI SQUADRA - "Le energie sono state sia fisiche che mentali. La storia è piena di storie di squadre che ribaltano il risultato in inferiorità numerica. Qui c'è un'anima, un'organizzazione di gioco, un gruppo: se non ci sono queste cose non si vince. Noi le abbiamo. Arbitri? Non voglio giudicarli, diciamo che hanno fatto bene. Errori in difesa nei singoli? Ultimamente in generale ci sono delle ingenuità individuali, dobbiamo capire il perché".

IL NUOVO RUOLO - "Deulofeu in avanti? Bacca si è battuto molto, nel secondo tempo con gli spazi poteva fare meglio. Dipenderà dall'armonia della squadra, Deulofeu può fare quel ruolo, ma è diverso da Mertens. Lui attacca la profondità, il belga cuce il gioco. Lo spagnolo a suo modo può però fare quel ruolo".

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

tutte le notizie di

Potresti esserti perso