Mirabelli: “Montella? Ognuno ha un tempo. Dobbiamo trovare una quadra”

Mirabelli: “Montella? Ognuno ha un tempo. Dobbiamo trovare una quadra”

Ecco le parole di Massimiliano Mirabelli, ds del Milan, ai microfoni di Sky Sport prima della sfida di Europa League contro l’AEK Atene

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

Il direttore sportivo del Milan, Massimiliano Mirabelli, ha così parlato ai microfoni di Sky Sport nell’immediato pre-gara della sfida contro l’AEK Atene, valida per la terza giornata della fase a gironi di Europa League: “E’ Montella a dover disegnare la squadra. Sappiamo che non era facile, è un momento non positivo. Siamo consapevole di avere un grande gruppo, con giocatori giovani e forti. Dobbiamo trovare questa quadra di squadra per non perdere terreno”.

Sulla stagione: “Abbiamo fatto cose positive, ma non ci siamo presentati a Genova, nel primo tempo con la Roma e nel primo con l’Inter. Il Milan è un gruppo valido, ogni volta siamo quelli che prestiamo più giocatori alle nazionali. Dobbiamo diventare presto squadra”.

Sul tempo per diventare squadra: “Ognuno di noi ha un tempo. Ce l’ha Montella, ma anch’io e molti altri. Sapevamo i rischi del caso, abbiamo voluto dare al mister un gruppo giovane, forte, che potesse costruire un bel futuro. C’è una proprietà che è vicina, ci fa lavorare al meglio. Noi facciamo lavorare al meglio l’alleantore e i giocatori”.

Sui risultati: “Questo è il rischio del nostro lavoro. A volte è capitato anche a grandi allenatori e dirigenti che in un anno non ci siano risultati. Sappiamo qual è il nostro progetto. Abbiamo fatto otto partite, ne mancano trenta. In queste restanti gare dobbiamo dimostrare di essere il Milan: rispetto per tutti, timore per nessuno. Serve equilibrio in ogni gara”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan-AEK Atene, ecco il LIVE della partita

Milan, il 3-5-2 diventerà un 4-4-2 in fase di non possesso

Milan, con l’Aek Atene hai tutto da perdere

Montella preoccupato: “Se non vinco so di rischiare”

Amarcord – Milan-AEK Atene 2006, la magica notte di Gourcuff

Milan-AEK Atene, i convocati di Montella: riecco Kalinic

Milan, i precedenti interni contro le squadre greche

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nasino74@gmail.com - 2 anni fa

    caro mirabelli è tutto ok , forse ti sei dimenticato che siete passati alle cose formali ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. easy.and.gain_401 - 2 anni fa

    Dunque il Milan anche questo anno non va proprio,… torniamo indietro di qualque anno e proviamo a vedere quanti giocatori anno ceduto il Milan,..Ibrahimovic, Thiago Silva, Pirlo, Pato, Matteo Darmian, Stephan El Sharaawy, Kaka, Menez, Balotelli,…et Bacca,..! (E ne manqueranno sicuramente altri),… alora adesso qualcuno può dirmi fra la grandi sfociata europee una sola squadra che abbia ceduto cosi tanti giocatori importanti,.. nessuna,. quando anno buoni giocatori se li tengono,…(E si potrebbe fare lo stesso discorso per l’Inter (anche peggio forse),.. e in conclusioni anno per finire (ciliegina sull torta) ceduto anche il club (ai Cinesi).

    Poi sul discorso allenatori,.. se io fossi un dirigente prenderei in considerazioni qualche allenatore del Nord Est,.. (Veneti Friulani gente lavoratrice e onesta),.. infatti sempre guardando la storia vediamo che grandi allenatori sono sempre venuti da quelle terre, Nereo Rocco ( Veniva da trieste), Ferruccio Valcareggi, (Trieste), Enzo Bearzot (friulano), lo steso Zoff (che ci porto un passo dal europeo), Nevio Scala (Veneto), Alberto Malesani, (Veneto), un certo Fabio Capello (friulano), e i vari Guidolin , De Biasi (che a fatto sempre benissimo), e si potrebbero aggungerne tantissimi,..!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy