news milan

MIHAJLOVIC avverte: tanta abbondanza in attacco, ma poca scelta

Sinisa Mihajlovic corrucciato durante Alessandria - Milan (credits: GETTY Images)

Sinisa Mihajlovic, nel corso della conferenza stampa di presentazione di Milan – Udinese, ha evidenziato i problemi nel reparto offensivo rossonero

Daniele Triolo

"Questo pomeriggio, nel centro sportivo di Milanello, SinisaMihajlovic ha tenuto la conferenza stampa di presentazione di Milan – Udinese, gara valida per la 24esima giornata di Serie A, quinta del girone di ritorno, in programma domani pomeriggio alle ore 15.00 allo stadio di 'San Siro'. Mihajlovic, già alle prese con la sostituzione di Giacomo Bonaventura, non convocato, confermerà sicuramente il 4-4-2, modulo con il quale Riccardo Montolivo e compagni sembrano trovarsi meglio, con Carlos Bacca e M'baye Niang a comporre la coppia d'attacco.

"Bacca e Niang, entrambi in gol nelle ultime due vittorie del Milan, contro Inter e Palermo, sono, però, le uniche due certezze rossonere per quanto concerne il reparto avanzato. Infatti, oggi, Mihajlovic ha fatto notare, nel corso della chiacchierata con i cronisti, come, allo stato attuale delle cose, nessuna alternativa sia pronta per poter insidiare, sin dal 1', un posto da titolare al colombiano ed al francese. Kevin-Prince Boateng, infatti, non è fisicamente ancora in grado di reggere 90', e, quando gli è stata concessa l'occasione (in Coppa Italia contro l'Alessandria), ha dimostrato di essere ancora in ritardo di preparazione.

"

"Discorso similare può essere fatto per Mario Balotelli, che oggi ha ricevuto le 'carezze' del suo allenatore (“Si allena bene, lo aspettiamo. Quando sta bene, è determinante”, le parole del serbo), il quale, però, continua a palesare ogni qualvolta viene chiamato in causa a gara un corso un atteggiamento non proprio in linea con l'animus pugnandi dei suoi compagni di squadra. Balotelli, inoltra, sembra fare ancora fatica dal punto di vista atletico: comprensibile, visti i 4 mesi completi di stop, operazione inclusa, per via di una fastidiosa pubalgia. E che dire di Jérémy Ménez: il francese ha ricominciato ad allenarsi, già da qualche giorno ad onor del vero, con il gruppo, ma, come rivelato da Mihajlovic, potrebbe avere al massimo 15' nelle gambe e non rappresenta, in virtù di ciò, la prima alternativa in attacco.

"

"Prima alternativa che, in un mare di mancate tante scelte, avrebbe potuto essere Luiz Adriano, ma l'ex centravanti dello Shakthar Donetsk è limitato, in questo periodo, da qualche problema fisico di troppo, oltre che da un 'recupero psicologico', dopo il mancato trasferimento allo Jiangsu Suning che, forse, si sta rivelando più difficile del previsto. Mihajlovic è contento di averlo in squadra, lo considera, come rivelato in conferenza stampa, un “gran professionista” e lo vede “sereno”. Al contempo, però, ha spiegato come “in caso di un'offerta importante”, giacché il mercato in alcune nazioni è ancora aperto, potrebbe anche lasciarlo partire. Che la coperta del Diavolo in attacco si scopra, all'improvviso, troppo corta per l'assalto alla Champions?

Potresti esserti perso