MALDINI: “PER LA NAZIONALE DICO MANCINI. FIGC? COME COL MILAN, MI HAN CHIAMATO MA…”

MALDINI: “PER LA NAZIONALE DICO MANCINI. FIGC? COME COL MILAN, MI HAN CHIAMATO MA…”

di Angelo Taglieri

fonte foto: swide.com
fonte foto: swide.com
Paolo Maldini ha rilasciato una lunga intervista a la Repubblica in edicola oggi. Tra i tanti argomenti toccati, ovviamente il capitolo FIGC, dato che il suo nome è stato accostato alla federazione subito dopo le dimissioni di Abete e Prandelli.Sul suo ritorno nel mondo del calcio: “Ero stato contattato prima del Mondiale, ma poi non si è fatto più vivo nessuno. Ora le nuovi voci sul mio possibile ritorno non sono assolutamente vere. Mi preme ribadire che non sono alla ricerca di un posticino, come è stato scritto. Sono soddisfatto della mia vita, anche se non lavoro nel calcio. Mi fa piacere che spunti fuori il mio nome, quando si parla di rinnovamento. Ma io non ho mai chiamato nessuno per propormi e non lo farò mai”.Se lo dovessero chiamare: “Ascolto e valuto. Non ho chiusure mentali preconcette. Ma ci vogliono progetti seri e operativi: nel ricorso ai nomi di Baggio, Rivera, Sacchi non c’è stata continuità. Anche il Milan mi aveva chiamato, ma poi non ho più sentito nessuno”.Sul ct ideale: “Un allenatore di personalità, con le idee chiare. I nomi che circolano mi sembrano tutti all’altezza: Mancini, Zaccheroni, Guidolin, Allegri. Se devo esprimere un parere dico Mancini: ha la personalità giusta, conosce la Nazionale e credo che abbia anche la voglia di allenarla”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy