Lodetti: “Al ritorno dell’Intercontinentale 1969 tentarono di farci fuori”

L’ex centrocampista rossonero Lodetti racconta la vittoria della prima Coppa Intercontinentale del Milan, nel 1969. Ecco le sue parole.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – Esattamente 50 anni fa, il 22 ottobre 1969, il Milan conquistava la sua prima Coppa Intercontinentale contro l’Estudiantes, salendo per la prima volta in cima al mondo. Uno dei protagonisti di quella squadra è stato Giovanni Lodetti, ex centrocampista rossonero. Ai microfoni di Telelombardia ha raccontato quella vittoria, con retroscena anche molto particolari. Ecco le sue parole: “Eravamo preparati a ciò che potesse accadere, ma non proprio così. Successe di tutto. Già all’andata avevano minacciato Combin, perchè non aveva fatto il militare in Argentina. Siamo stati un po’ deboli a portarlo là nonostante il 3-0 di San Siro, non doveva venire con noi. All’andata è stato tutto facile, non ci prendevano mai. Il problema è stato là, l’hanno fatta pagare a Combin, ma anche a noi. Per entrare alla Bombonera c’era gente con i sassi ad aspettarci. Ci schieriamo a metà campo per fare la foto e dopo 10 secondi arriva l’Estudiantes e hanno iniziato a tirarci le pallonate. Dopo la ginocchiata che gli ha spaccato la faccia dicevo a Nestor di non venire in area. Anche l’arbitro è stato condizionato, avrebbe dovuto espellere diversi loro giocatori. Il portiere a tirato un calcio sulla schiena a Prati, tanto che fu costretto a uscire. Erano prevenuti, volevano farci male, volevano farci pagare il 3-0. All’intervallo Rocco ci disse che non volevano giocare a calcio, ma farci fuori. Ci disse di non perdere la calma e non reagire. La gente era tutta a due metri dal campo, a fine partita due poliziotti hanno preso Combin entrando negli spogliatoi e l’hanno portato via. A quel punto ci siamo radunati tutti, Rocco compreso. Ci hanno portato in aeroporto e non volevamo partire fino a quando non fosse arrivato Combin. Non arrivava più, poi a un certo punto è arrivato dopo non so quante ore e siamo ripartiti per Milano”. Per la nostra intervista a Massimo Agostini… Continua a leggere >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy