LIVE PM – Fassone: “Il rinnovo di Donnarumma prioritario: è una colonna. Montella allenatore nel presente ed in futuro”

LIVE PM – Fassone: “Il rinnovo di Donnarumma prioritario: è una colonna. Montella allenatore nel presente ed in futuro”

Alle 11:00 a Casa Milan è in programma la prima conferenza stampa ufficiale della nuova proprietà del club rossonero. Tutte le dichiarazioni della giornata

di Redazione

Dal nostro inviato a Casa Milan, Luca Fazzini

Giornata storica, ieri, per il Milan: poco dopo le ore 14:00, infatti, dopo mesi di trattative, la società di Via Aldo Rossi è stata ufficialmente venduta da Fininvest alla Rossoneri Sport Investment Luxembourg, controllata dall’imprenditore cinese Yonghong Li, dietro la regia americana del fondo di investimenti Elliott Management Corporation. Il closing, dunque, è passato dalla cronaca alla storia: il Milan ha così archiviato 31 anni di presidenza Berlusconi, condita da ben 29 trofei, per entrare nella nuova era del Dragone. Tra poco, intorno le ore 11:00, a ‘Casa Milan’, la nuova proprietà prenderà, per la prima volta, parola per presentarsi ai sostenitori rossoneri. Qui di seguito tutte le dichiarazioni della giornata:

Termina qui la conferenza stampa a ‘Casa Milan’

Sui cinesi del Milan e dell’Inter: “Dove c’è una competitività sana, le cose vanno meglio. Penso che un cambiamento per cosi dire traumatico sia un bene”.

Sugli immobili della vecchia proprietà: “Sono passati insieme alle quote alla nuova proprietà. Milanello? Andremo a vedere il centro stasera”.

Ancora sull’eventuale quotazione in borsa: “Non sarebbe per ripagare il debito”.

Sulla struttura sportiva: “La prima figura è Mirabelli, che farà diverse valutazione per mettere in pista figure importanti”.

Sull’Europa League: “Sarebbe un passo importante perché l’assenza dall’Europa non va bene. È uno stile di vita sportiva tipico dei grandi club. Se vogliamo essere in Champions nel 2018, dobbiamo tornare a giocare alla sera in settimana, quindi con l’Europa League”.

Su un Milan competitivo: “Vogliamo una squadra forte, le cose non si fanno schiacciando le dita. Sappiamo di avere una base importante”.

Sul finanziamento di Elliott: “All’Inter lo facemmo più tardi, qui lo abbiamo fatto subito. Una parte del finanziamento con Elliott è destinato al Milan. Ieri abbiamo già risanato i debiti con le banche italiane. Una seconda parte è destinata alla campagna acquisti dell’estate”.

Su Mancini: “Mancini è uno dei più grandi allenatori che conosca. Non vedo il dubbio su Vincenzo, chiarisco di nuovo che è l’allenatore di questo Milan, ci fidiamo”.

Sulla possibile quotazione in borsa: “C’è questa possibilità all’orizzonte. Sul luogo ne parleremo in futuro, uno scenario può essere la quotazione in borsa”.

Su come la proprietà ha vissuto lo scetticismo sulla figura di Yonghong Li: “È evidente che ci sia stato scetticismo, è una scelta voluta, perché sapevamo che questo momento sarebbe arrivato. Parlare prima non è appropriato, parleremo con i fatti”.

Sull’ipotesi di nuovi soci: “Non so cosa voglia fare il presidente. Al momento ha scelto di essere l’azionista di riferimento di questo club”.

Su Deulofeu: “Sarà un tema di attualità. Questo ragazzo ha un talento enorme, ne parleremo con il mister e capire che mosse fare”.

Sull’eventuale candidatura di Galliani in Lega: “Adriano ha la mia stima e il mio appoggio. Cercherò di capire meglio di cosa si tratti e che ruolo avrà, se ci sarà un ad o no, ma ho garantito a Galliani che – qualora abbia piacere di andare in quella direzione – avrà l’appoggio della società”.

Sul settore della squadra in cui intervenire: “Non c’è un settore che riteniamo più debole di altri. Le idee di Mirabelli sono quelle di rinforzare la squadra, dovremo vedere il mercato e condividere le idee con Montella. Nomi? Alcuni nomi fatti in questi mesi piacciono alla società, ci piacerebbe avere un paio di profili di altissimo spessore. Ci deve però essere la volontà di tutti”.

Sul cda e gli sponsor: “La composizione è chiara a tutti, sono orgoglioso che abbiamo accettati. Si tratta di Roberto Cappelli, Paolo Scaroni e Marco Patuano. Sponsor? E’ la prima cosa a cui pensiamo, probabilmente ci saranno. Il mercato cinese va approcciato in maniera diversa, bisogna far convivere la dimensione commerciale con quella pubblica, vogliono far crescere il calcio. Dobbiamo portare la competenza calcistica”.

Sui giocatori italiani: “Al di là dei regolamenti, non si può prescindere dai giocatori italiani. Tutti devono pensarci, per fortuna ne abbiamo. Galliani mi ha raccontato che all’interno del nostro settore giovanile ci sono alcune leve fortissime, una delle quali ha vinto tutte le partite di campionato. Spero di poter attingere in futuro anche dal vivaio”.

Sull’esperienza: “Il calcio è cambiato rispetto all’inizio, le proprietà internazionali sono diverse. Non sono ancora completo, ma i cambi di proprietà diverse e di città diverse mi hanno arricchito”.

Sui tifosi: “Non li ho incontrati ancora, ma sono fondamentali, perchè nessun club vivrebbe. Non è sempre facile far coincidere le visioni.

Sulle esultanze ai gol: “Quelle di Galliani sono inimitabili (ride, ndr). Le mie sono diverse, ma credo si veda la mia gioia. A me sembra di essere qui da tanto, quando inizi un lavoro come questo non si può non diventare tifosi di questa squadra, perchè respiri l’aria del club. Ho dentro sentimento di questa squadra”.

Sulla squadra e sul derby: “Ho guardato tutte le partite dall’esterno, ma mi sono fatto un’idea di una squadra con talento e prospettiva. Siamo la squadra più giovane della Serie A, è un atto di coraggio. Vogliamo trovare quel mix di giovani ed esperti che ci faccia tornare grandi. Vorrei vedere un Milan che si esalti”.

Sul futuro: “Non ci sono difficoltà economiche per i debiti. I progetti finanziari sono innovativi ed interessanti. Le strade di medio periodo sono la Champions League, dove – qualificandosi agli ottavi di finale – si ricavano oltre 50 milioni di euro. L’altra strada è la Cina, un punto interrogativo per noi italiani. Il Milan in Cina è qualcosa di straordinario, ancora oggi si compete con i top club. Sono fiducioso che da qui risulterà una crescita molto significativa. La terza crescita è proprio lo stadio: l’esperienza ci dice che tutti i club – come la Juventus, il Bayern e l’Arsenal – hanno raddoppiato il loro fatturato in un anno. Tutto questo dovrebbe farci competere con i big”.

Sulle prime mosse: “La prima è che dobbiamo pensare a costruire la squadra – sportivamente – del 2017/2018. Avevamo e abbiamo tante idee. La chiusura della trattativa avvenuta oggi ci ha costretto a cambiare qualche obiettivo, perchè mancano solo due mesi all’inizio del mercato. Vogliamo che a luglio l’allenatore abbia già il 60-70% dei nuovi innesti. La seconda è che non si può non passare – economicamente – dal mercato cinese. Inizialmente ero scettico, ma mi sono reso conto che c’è un potenziale che può essere sviluppato solo con una proprietà locale. Una nuova società in Cina per il mondo del marketing è il nostro obiettivo”.

Ancora sullo stadio: “Una nuova legge ha velocizzato i tempi. A Torino i due club erano molto diversi, non fu complicato capire lo svilippo delle due squadre. A Milano i due club sono molto simili dal punto di vista delle ambizioni e della proprietà”.

Sullo stadio: “E’ una delle cose su cui ho parlato con la proprietà da subito. Vogliamo che il Milan giochi in uno stadio con caratteristiche adatte. San Siro è un grande stadio, anche l’altro club di Milano sta facendo alcune valutazioni. Lo stadio è una delle priorità che abbiamo”.

Sul derby di domani: “Il destino fa strani scherzi. Da dirigente sportivo ho interrotto la mia carriera proprio da un Inter-Milan. Dal punto di vista emotivo non potrò chiedere di meglio, sperando che il risultato sul campo renda la gara divertente”.

Su una bandiera in società: “Sarà importante che al nostro fianco ci sia un esponente del club che incarni questi colori. Già ce ne sono, vorrò parlare con Franco Baresi e Filippo Galli. Negli ultimi mesi ho avuto tanti pensieri, tenendoli però in freezer. L’obiettivo è arrivare ad inizio stagione con l’organizzazione messa a punto”.

Sui rinnovi di De Sciglio e Suso: “Fino ad ora non ho fissato appuntamenti, vista l’assemblea di oggi pomeriggio. Da domani telefoneremo ad agenti e collaboratori, da settimana prossima il calendario sarà serrato”.

Sui collaboratori: “Porterò a Milanello i migliori collaboratori. Non arrivo al Milan con nessun pregiudizio, arrivo con grande apertura, desidero che il Milan abbia una fortissima struttura manageriale. Cercherò i migliori profili, indipendemente dalla loro provenienza, per dare una qualificazione manageriale ancora migliore di quella attuale”.

Sul business plan sportivo: “Si potrebbe essere prudenti, ma siamo il Milan. Non possiamo dire ‘piano piano’, l’idea è tornare il prima possibile in Champions League. La partecipazione in Champions è la platea a cui non possiamo rinunciare. Un assist a vantaggio ci è stato dato dalla UEFA con i quattro posti che l’Italia avrà dall’anno prossimo. L’obiettivo è che nel 2018-2019 il Milan torni in Champions League.”

Sull’operazione: “E’ un’operazione enorme, un acquisto da 740 milioni a cui si sommano circa 100 milioni per la gestione dell’ultimo anno. Immaginare che la proprietà faccia questa operazione senza debiti è follia, la parte debitoria è comunque meno rilevante da quanto accaduto ad altri. Inoltre aggiungo il club: il club ha un livello di indebitamento bassissimo in confronto alle disponibilità economica”.

Sulla trattativa: “L’ho vissuta dall’Italia, ci sono stati alti e bassi. Ci sono stati momenti difficili che hanno riguardato il loro paese (Cina, ndr). La grande forza d’animo però ha trovato anche in Fininvest un risconstro positivo, che avrebbero potuto lasciare la trattativa, ma hanno sempre compreso che la volontà era molto forte. Ringrazio Berlusconi, Pellegrino e tutta Fininvest. Ciò che è importante è la volontà avuta da Mr. Li per rifare grande il Milan”.

Sulla famiglia Berlusconi e un futuro in società: “Confermo che Barbara sarà presidente di Fondazione Milan, è una scelta voluta fortemente anche dall’ex presidente Silvio.”

Sul piano quadriennale con la UEFA: “Abbiamo dei termini per il 31 marzo. Il Milan sarà una cavia, perchè è il primo caso. Settimana prossima consegneremo alla UEFA il piano. E’ un piano su cui siamo tranquilli, mi auguro e sono certo che non ci saranno problemi.

Su Montella: “Ha il nostro apprezzamento, ha il gradimento e il sostegno di mr. Li e mr. Han. Totale supporto a Vincenzo”.

Sul futuro: “Abbiamo delle idee, ci siamo confrontati continuamente con Han Li e Mirabelli. Abbiamo incontrato club e agenti. Ora dovremo parlare con Montella, in modo che i progetti siano coerenti per operare sul mercato. Budget? E’ un budget importante, l’obiettivo è ricostruire un Milan molto competitivo e ambizioso. Avrò una disponisibilità economica per raggiungere questi traguardi”.

Sul rinnovo di Donnarumma: “Ne abbiamo parlato anche con il presidente. Da parte nostra c’è tutta la considerazione che Donnarumma merita, vogliamo risolvere questo punto in tempi brevi, facendo di Gigio una colonna del Milan del futuro, sapendo che in mezzo ci sono dei contratti”.

Sul dopo-closing: “Io faccio il manager, fino a oggi ho vissuto dal dietro le quinte, dando solamente i miei suggerimenti. Da oggi riprendo a fare il mio mestiere, gestendo il club. Ho però un vantaggio, perchè dal 5 agosto ho potuto studiare la situazione e la realtà di questo club. Sono convinto che da martedì avrò un buon background da utilizzare”.

Sulla cena di ieri: “Il presidente è un grande comunicatore, ci ha trasmesso quello che è il suo amore e in parte il suo dolore per questo distacco. Ciò che è stato importante è il fatto che lui ha percepito che non siamo qui per ragioni di business, ma di affetto”.

Ecco Fassone: “Buongiorno a tutti. Oggi è una giornata storica per questo club meraviglioso. Volevo fare tre ringraziamenti: il primo è per mr. Li e mr. Han che mi hanno dato questa opportunità, confermandomi la loro fiducia. Hanno resistito a pressioni e cambiamenti. Farò di tutto per ripagare la fiducia. Il secondo pensiero va a Silvio Berlusconi, ad Adriano Galliani e a Barbara Berlusconi, che in questi otto mesi avrebbero potuto avere un atteggiamento diverso, ma invece mi hanno accompagnato, dandomi la disponibilità. Il terzo ed ultimo pensiero va a voi e ai tifosi del Milan, che negli ultimi mesi non hanno quasi avuto un canale di comunicazione. Mi rendo conto che le difficoltà sono state tante, per noi e per voi. Credo che nel lungo periodo sia stata una giusta scelta. Da oggi la relazione sarà diversa e sicuramente più aperta”.

Si inizia, con le parole di Yonghong Li: “Gentili presenti, signore e signori, amici e tifosi del Milan, buongiorno. Per tutti gli amanti del Milan oggi è un giorno importante. La Rossoneri Lux completa oggi l’acquisto delle quote del Milan. Questo glorioso club inizia così un nuovo capitolo: il successo di questa translazione è stato reso possibile grazie all’amore dei tifosi del Milan, ma soprattutto ringrazio Berlusconi e Fininvest per la fiducia riposta in noi. Il Milan è un top club a livello mondiale, con 118 anni di gloriosa storia. Negli ultimi 30 anni il Milan ha ottenuto innamorevoli successi: 8 scudetti, 5 Coppe dei Campioni e 7 Supercoppe Italiane. Tutte le stelle che sono state in questo club e i suoi successi fanno sì che ogni tifoso si aspetti il ritorno del club ai vertici d’Europa. Per questo alle nostre spalle abbiamo una grande responsabilità, oltre che le aspettative dei Milan. Il consiglio è formato da professionisti del settore calcistico e finanziario. Siamo un team stabile e con alta efficienza. Vogliamo che ogni professionista si dedichi al suo ruolo. Abbiamo delegato a Fassone il compito di sviluppare il lavoro del Milan per il futuro, crediamo che lui sia il candidato migliore per essere il futuro CEO. Crediamo in lui, con la sua guida la gestione del Milan otterrà risultati migliori, per essere competitivo nel mondo. Il nostro obiettivo è far sì che tutti i tifosi del mondo possano amare sempre più il Milan”.

11.23 – Dopo una lunga attesa, entrano in sala conferenze i protagonisti: Fassone, Yonghong Li e Han Li posano con tre maglie rossonere.

11.06 – Tutti seduti i giornalisti in sala: tra pochissimo l’inizio della conferenza.

10.58 – Ci siamo, sta per iniziare la conferenza stampa di Yonghong Li e Marco Fassone da Casa Milan.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Il LIVE closing minuto per minuto

Milan venduto ai cinesi: cronaca di una giornata storica

Quiz – Berlusconi saluta il Milan: quante ne sai sulla sua era rossonera?

Berlusconi: “Lascio con dolore, ma resto il primo tifoso del Milan. Grazie a tutti”

Yonghong Li: “Grazie per la fiducia e la pazienza: insieme costruiremo il futuro”

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy