Bonaventura: “Gratitudine per il Milan. Sapevo già a gennaio dell’addio”

Bonaventura: “Gratitudine per il Milan. Sapevo già a gennaio dell’addio”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Le dichiarazioni di Giacomo Bonaventura, nel giorno della presentazione ufficiale alla Fiorentina. Jack ha parlato del passato rossonero

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
Giacomo Bonaventura Fiorentina Milan

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWSGiacomo Bonaventura è da qualche settimana un nuovo giocatore della Fiorentina, dopo la lunga esperienza al Milan. Il jolly rossonero, classe 1989, si è liberato a parametro zero. Tra tanti infortuni e poche presenze (seppur di buon livello) il club rossonero non gli ha voluto rinnovare il contratto. Nel giorno della presentazione ufficiale alla Fiorentina, Jack ha parlato del passato rossonero.

Questa la risposta alla domanda sull’addio al Milan e la speranza, sfumata, del mancato rinnovo: “Non ci sono rimasto male. Già dal primo gennaio sapevo che non sarei rimasto. Ho cercato di finire la stagione nel migliore dei modi ma sapevo che sarei andato via”.

L’addio al Milan, in ginocchio a San Siro: “Sono rimasto lì perché ci tenevo a stare un attimo da solo dopo tanti anni a San Siro. E’ stato un momento in cui ho provato gratitudine per ciò che sono riuscito a fare lì”.

Su Ribery e Ibrahimovic: “In comune penso che abbiano la voglia di vincere, di allenarsi seriamente, con intensità. Questa è la mentalità che li accomuna e quella che li ha resi grandissimi giocatori. Queste sono cose che ho imparato da Ibra, ma si vede che anche Franck è così”.

Poteva arrivare alla Fiorentina già qualche estate fa: “Mia moglie è Milano perché non faceva in tempo a traslocare prima della nascita. Nascerà dunque a Milano, a Firenze però crescerà. Quando c’era Pradè la prima volta ed io giocavo all’Atalanta c’era stato un qualcosa e degli attestati di stima da parte sua anche se non si concretizzò nulla ed io andai al Milan”.

TONALI E CHIESA… PARLA PAOLO MALDINI >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy