L’infortunio di Montolivo spalanca le porte del Milan a Sosa

Riccardo Montolivo starà fuori per 6 mesi: al suo posto, probabile l’impiego, con più continuità, dell’argentino José Sosa. Ma occhio al ‘Loca’ …

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ieri sera, durante Italia-Spagna, gara di qualificazione ai Mondiali del 2018 in Russia, in occasione di un duro contrasto di gioco con il difensore delle ‘Furie Rosse’ Sergio Ramos, il centrocampista del Milan Riccardo Montolivo si è gravemente infortunato al ginocchio. La diagnosi odierna è stata impietosa: “Lesione al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro” e conseguente stop di almeno 6 mesi. Forse, anche qualcosa in più, considerando come non si tratti della prima volta che Montolivo si ritrova costretto a fermarsi in seguito a traumi di questa tipologia.

La Nazionale ha rimediato convocando, per la sfida di domenica contro la Macedonia, il torinista Marco Benassi, ma il Milan, adesso, come lo sostituirà? Montolivo, spesso fischiato dal pubblico di ‘San Siro’, è infatti un titolare fisso della formazione di Vincenzo Montella e, benché il suo apporto sul terreno di gioco passi spesso inosservato, il numero 18 è tra i recupera-palloni più efficienti dell’intera Serie A: nella scorsa stagione, addirittura, fu il migliore di tutto il campionato. Poco fosforo, forse, in un ruolo delicato come quello di playmaker, ma, sicuramente, tanta quantità in fase difensiva per aiutare al meglio la squadra della quale è stato nominato capitano quattro anni orsono.

Con Mario Pašalić ancora oggetto misterioso nel centrocampo rossonero, ed il cileno Mati Fernández ancora fermo ai box e maggiormente portato a ricoprire il ruolo di mezzala offensiva, se non quello di trequartista, verosimilmente Montella ricorrerà all’utilizzo con maggiore continuità del ‘Principito’, José Sosa, 31 anni, che da qualche partita viene relegato in panchina con poche possibilità di mettersi in mostra. Pagato 7,5 milioni al Beşiktaş nel corso dell’ultima sessione di calciomercato, Sosa è stato provato spesso da Montella nel ruolo di regista davanti la difesa nelle gare in cui ha giocato, ma, soprattutto, nelle amichevoli disputate dal Milan durante la pausa del campionato per gli impegni delle Nazionali. E’ quanto, adesso, sia presumibile avverrà anche domani pomeriggio, quando la squadra rossonera sarà di scena a Chiasso.

Sosa, nato trequartista ed adattabile al ruolo di mezzala, aveva già dato la sua disponibilità a Montella per cambiare posizione, giocano una ventina di metri più indietro e mettendo la sua innegabile classe al servizio della squadra in un settore nevralgico del terreno di gioco. Probabilmente, contro il Chievo toccherà all’argentino rilevare la pesante eredità di Montolivo. Occhio, però, a Manuel Locatelli: il gol realizzato dal 18enne prodotto del vivaio rossonero contro il Sassuolo, tanto bello quanto importante, potrebbe aver accresciuto ulteriormente, nella mente di Montella, la considerazione nei riguardi del ragazzo di Lecco. Colui che, per caratteristiche tecniche, rappresenterebbe l’ideale sostituto di Montolivo in mezzo al campo. Montella conta molto sul talento di Locatelli, e tutto ciò è testimoniato da quanto lo stia facendo giocare in questo periodo, spesso gettandolo nella mischia a gara in corso come primo cambio del Milan: da qui, però, al giocare da subito titolare potrebbe passarcene, anche per non correre il rischio di bruciarlo. Con Montolivo out, dunque, spazio a Sosa, con lo sguardo vigile verso la panchina e lo scalpitante Loca.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Italia – Romagnoli: “Felice per l’esordio, una serata indimenticabile”

Il Milan si stringe intorno a Montolivo: “Ancora e sempre forza Riccardo!”

Montolivo, maledizione Italia: le tappe di un incubo

Sabatini: “Il Milan e l’Inter vorrebbero essere la Roma”

Milan, Zapata sulla via del completo recupero

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy