IL GLADIATORE YEPES: QUANDO NEL MILAN ‘SUPERMARIO GIOCAVA IN DIFESA

IL GLADIATORE YEPES: QUANDO NEL MILAN ‘SUPERMARIO GIOCAVA IN DIFESA

di Federico Albrizio

Mario Yepes - fonte www.calciomercatonews.com
Mario Yepes – fonte www.calciomercatonews.com
Domenica alle 12.30 Atalanta e Milan si sfideranno in una partita importantissima per le ambizioni europee dei rossoneri: in questo turno della Serie A infatti ci saranno due scontri diretti tra le rivali all’Europa League (Inter-Lazio e Torino-Parma) per cui una vittoria a Bergamo potrebbe consentire un netto passo avanti alla compagine di Seedorf. In campo ci saranno due ex orobici tra le fila del Milan: si tratta di Pazzini e Montolivo, cresciuti entrambi nel vivaio nerazzurro ed entrambi debuttanti nel massimo campionato italiano con i bergamaschi. Anche nell’Atalanta ci sarebbe un ex rossonero, ma purtroppo non sarà in grado di prendere parte alla partita: Mario Yepes. Il difensore colombiano infatti contro la Juventus ha riportato un trauma cranico e cervicale che lo ha costretto a concludere anzi tempo la sua partita per recarsi in ospedale per dei controlli: niente di grave, ma la sua presenza contro i suoi ex compagni è da escludersi.Arrivato al Milan in punta di piedi nell’estate del 2010 (a parametro zero dopo l’esperienza al Chievo), Mario non ha impiegato molto tempo per conquistare il cuore dei tifosi rossoneri: fin dall’esordio contro il Bari ha dimostrato una dedizione e una professionalità fuori dal comune, soprattutto per un 34enne ancora desideroso di mettersi in gioco. Tante presenze collezionate in 3 anni al Diavolo, condite da alcuni momenti particolarmente significativi: l’esordio in Champions League e la grande prestazione contro il Tottenham, il primo gol nell’elettrizzante 3-4 contro il Lecce, la prima con la fascia da capitano contro il Torino. Uno scudetto, una Supercoppa Italiana, 46 presenze e 2 gol, non poco per uno arrivato per fare la 4°-5° scelta in difesa. Se i tifosi lo hanno sempre acclamato per l’impegno profuso, anche i compagni non hanno mai lesinato complimenti per lui: lo stesso Thiago Silva al termine delle gare giocate al suo fianco non ha mai dimenticato di esaltare le prestazioni di Yepes, sottolineando come i meriti della solidità difensiva rossonera fossero ad appannaggio del colombiano e della sua lettura tattica degli incontri. Non solo: esemplare il suo comportamento nello spogliatoio, un leader silenzioso in grado di aiutare la ‘vecchia guardia’ del Milan.Troppo spesso snobbato dai media in favore di colleghi più quotati, Mario Yepes rimane nel cuore di tutti i tifosi rossoneri, esempio di come la serietà e lo spirito combattivo possano spingere alla gloria anche un ‘vecchio’ gladiatore: nel Milan un tempo, Supermario giocava in difesa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy