FIFA, chiesto il rinvio match Nazionali: nessun obbligo sulle convocazioni

FIFA, chiesto il rinvio match Nazionali: nessun obbligo sulle convocazioni

Il Consiglio della FIFA ha stabilito di rinviare i match delle nazionali previsti tra marzo e aprile. I club non saranno obbligati a rilasciare i calciatori

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
FIFA

ULTIME NEWS – Il Consiglio della FIFA ha preso un’importante decisione riguardo all’emergenza Coronavirus. Giocare a calcio nelle circostanze attuali potrebbe non solo presentare potenziali rischi per la salute dei giocatori (e per i tifosi) ma, molto probabilmente, comprometterebbe l’integrità sportiva di tali partite nella misura in cui alcune squadre potrebbero essere private di calciatori e altre no. Indiscrezione riportata dai colleghi di Sky Sports.

Dunque, per evitare inutili rischi per la salute e anche situazioni di potenziale ingiustizia sportiva, la FIFA chiede di rinviare tutte le partite internazionali precedentemente programmate per marzo e aprile fino a quando possono svolgersi in un ambiente sicuro e protetto, sia per giocatori e per il grande pubblico. Inoltre i club di tutto il mondo non avranno l’obbligo di mandare i propri calciatori a giocare con le rispettive nazionali.

A questo punto essendo fortemente a rischio le ultime amichevoli tra le nazionali prima di EURO 2020, proprio la competizione prevista la prossima estate potrebbe essere rinviata. Peraltro la Serie A, d’accordo con le altre leghe europee, ha come unica priorità quella di concludere i campionati. UEFA dunque messa fondamentalmente alle strette da questa situazione d’emergenza. In giornata è stato anche ufficializzato il rinvio di Italia-Inghilterra!

Oggi numerosi casi di Coronavirus tra i calciatori in giro per l’Europa. Ne fanno le spese, su tutti, due club italiani: l’ultimo caso rigurda la Fiorentina >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy