ESCLUSIVA PM – CASOTTI: “GARA SPARTIACQUE PER SEEDORF, ATLETICO FAVORITO. UNA COSA PUO’ AIUTARE IL MILAN…”

ESCLUSIVA PM – CASOTTI: “GARA SPARTIACQUE PER SEEDORF, ATLETICO FAVORITO. UNA COSA PUO’ AIUTARE IL MILAN…”

di

www.iamnaples.it
www.iamnaples.it
Il direttore di Goal.com ed esperto di calcio internazionale, Federico Casotti, ha rilasciato in esclusiva un’intervista a noi di Pianeta Milan, con gentilezza e disponibilità. Tanti i temi toccata, dalla partita di questa sera al prossimo mercato del Milan.Ciao Federico, vorrei partire subito con la prima domanda: secondo te, Seedorf come preparerà la sfida con l’Atletico? Attaccherà o si chiuderà per poi ripartire?Credo che, con il pronostico a sfavore, Seedorf punterà a raccogliere tutti i fattori a lui favorevoli per indirizzarli in una sorta di effetto sorpresa. Mi aspetto una gara intraprendente, per sfruttare il “totem” di San Siro e la necessità di non subire goal. La natura stessa della probabile formazione anti-Atletico fa pensare a un atteggiamento tutto meno che ostruzionista.Ci saranno defezioni importanti da entrambe le parti, chi ne risentirà di più?A centrocampo le squalifiche di Muntari e Montolivo rappresentano un handicap pesante per il Milan, anche solo per il fatto di dover puntare molto su Essien che non mi pare ancora al 100%. In casa Atletico sarebbe stato interessante rivedere Tiago contro una squadra italiana: in Spagna si è rilanciato alla grande, ma in serie A lo ricordiamo lento e inconsistente con la Juventus. Nel dubbio, considero la sua defezione un buon vantaggio per il Milan. Il Milan in questi ultimi anni ha dimostrato di avere poca personalità negli scontri diretti. Come mai? Sarà diverso questa volta?Più che scarsa personalità, credo sia un mix di oggettiva debolezza e di scarsa considerazione dei propri mezzi, quel tipo di atteggiamento che ti porta a rendere il 70% quando invece con un buon motivatore potresti rendere il 120%. Da questo punto di vista l’arrivo di Seedorf ha portato dei leggeri ma tangibili miglioramenti. Al resto potrebbe pensare la tipica atmosfera da Champions che sempre ha saputo caricare i rossoneri. Il Milan arriva con più certezze o dubbi a questo appuntamento chiave? Quali sono i punti di forza e di debolezza dell’Atletico? E quali sono le peculiarità di Simeone in panchina?I dubbi sono più delle certezze, è chiaro. Ma è una partita che può davvero essere uno spartiacque, se non della stagione, quantomeno della gestione-Seedorf, chiamato a finire la luna di miele e chiarire in via più definitiva la sua idea di Milan. Simeone lo conosciamo già dopo la sua positiva esperienza catanese: è un allenatore che sa mixare bene la “garra” tipicamente sudamericana al buonsenso degli europei. L’Atletico è una squadra che esprime bene la sua mentalità offensiva, aggredendo l’avversario dall’inizio e spesso indirizzando la partita già nelle prime battute. E’ successo nel weekend contro il Valladolid, ma non solo. Tuttavia la difesa, per quanto di buona qualità, potrebbe soffrire contro Balotelli e i trequartisti rossoneri.Bene, vorrei concludere con qualcosa sui singoli: Mexes e Robinho deludono, altri – come Saponara – sembrano fuori dal progetto, altri ancora (vedi Abate) faticano e potrebbero partire. Ci si deve aspettare addii illustri oppure è solo un periodo passeggero? Che Milan imposterà Seedorf? Ci saranno arrivi importanti?E’ ancora prematuro parlare di mercato, di sicuro Seedorf chiederà un peso importante sulle scelte della società per impostare la sua idea di Milan. E non potrebbe essere altrimenti, visto anche il modo in cui il Milan si è esposto nei suoi confronti. Al di là dei colpi estivi, in grado di fare sognare i tifosi, sarebbe bello vedere qualcuno dei ragazzi di Inzaghi, capaci di vincere il torneo di Viareggio lunedì, promossi in prima squadra e pronti a giocarsi le loro carte. Sarebbe molto coerente con il progetto Milan lanciato negli scorsi mesi da Barbara Berlusconi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy