Di Biagio: “E’ iniziata una nuova era, serve pazienza”

Di Biagio: “E’ iniziata una nuova era, serve pazienza”

Dopo la sconfitta contro l’Argentina in amichevole, ecco le parole di Gigi Di Biagio, commissario tecnico della Nazionale Italiana

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

Intervistato dalla Rai dopo la sconfitta per 2-0 subita in amichevole contro l’Argentina, ecco le parole del CT dell’Italia, Gigi Di Biagio, all’esordio sulla panchina della Nazionale maggiore: “Abbiamo giocato bene nel secondo tempo, meritavamo di più. Giocavamo contro i vice campioni del mondo, disputare queste gare aiuta a crescere prima”.

Sulla gara: “Dobbiamo lavorare ma non siamo depressi. Abbiamo sbagliato tanto nella costruzione, soffrendo il loro palleggio. Ma ci abbiamo provato, tanti ragazzi erano alla prime esperienze. Dobbiamo velocizzare l’apprendimento di quanto facciamo in allenamento, ora è l’inizio di una nuova era”.

Sui singoli: “Jorginho e Verratti sono il futuro dell’Italia, due grandi giocatori ma dobbiamo avere pazienza, anche se avessimo vinto contro l’Argentina. Dobbiamo crederci. Come sta Verratti? E’ da valutare”.

Sugli aspetti positivi: “Dobbiamo spingere sui singoli e sul modo di giocare. Abbiamo provato a fare il nostro gioco, meritavamo di andare in vantaggio, con le tante palle gol non sfruttate. Ad un certo punto mi stava stretto anche lo 0-0. C’è dispiacere per il risultato, il 2-0 è troppo severo”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Cutrone alla Rai: “Ringrazio il mister, sono felice per l’esordio. Peccato aver perso”

Cutrone: “Nazionale, un’opportunità da non sprecare: i sogni non finiscono mai”

Cutrone e la Nazionale: ecco il record che può raggiungere

Di Biagio su Cutrone: “Mi ha convinto con entusiasmo e gol”

Cutrone implacabile: già 15 i gol stagionali

Montella: “Cutrone è una mia creatura”

Tutte le nostre news di calciomercato

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy