ALLEGRI: “GALLIANI? LA SQUADRA PENSA SOLO A CATANIA. DOMANI EMERGENZA IN DIFESA, RECUPERATO EL SHAA. IO ALLA ROMA? NESSUN RIMPIANTO “

di Arianna Alborghetti

Fonte: calcioblog.it
Fonte: calcioblog.it
Ecco le parole di Massimiliano Allegri alla vigilia di Catania-Milan. Il Milan, dopo le dimissioni annunciate da Adriano Galliani, dovrà reagire in campionato, dove la vittoria manca da troppo tempo (19 settembre 2013, Milan-Udinese 1-0).Allegri in conferenza stampa:-Sul possibile ritorno in campo di El Shaarawy: “El Shaa non lo porto in gita a Catania. Deve ritrovare la condizione ma se ci sarà bisogno lo metterò in campo. Ha grande voglia di tornare e mi aspetto molto da lui”Su Kakà e Balotelli“Kakà è stato un acquisto importantissimo. Ha portato qualità ed è un esempio per lo spogliatoio. Balotelli è un giovane sempre sotto i riflettori, sono contento di quanto ha fatto martedì, sta migliorando fisicamente e penso che per lui sarà un campionato in crescendo”Su Paolo Maldini in Società “Paolo lo conosco da quando sono arrivato al Milan, ma parlare ora di queste situazioni non ha senso, è una vicenda in evoluzione, la Società penserà al bene del Milan”.-Su Balotelli vertice dell’albero di Natale“Balo ci ha giocato dietro con Birsa e davanti Matri. Può fare la prima e la seconda punta. Importante che affronti le partite come in Scozia. A livello tecnico ha qualità straordinarie ma si è messo al servizio della squadra”Sull’arrivo di Berlusconi a Milanello: Come l’anno scorso la vicinanza del presidente alla squadra è positiva. Porta grandi stimoli e siamo felici che oggi venga per la prima volta in questa stagione”.Sulle vicende in Società e la reazione della squadra“In questo momento così come in tutti, l’allenatore è il responsabile tecnico, deve gestire lo spogliatoio. Galliani la prima cosa che mi disse è stata “Lei è il responsabile di Milanello”. E così lavoro. L’importante è dare dei valori alla squadra, stare vicino ai ragazzi e dare il mio apporto tecnico. Vista la delicatezza della situazione societaria, preferirei non parlarne. Una vittoria domani magari porterebbe maggior serenità. Tutti lavoriamo affinché il Milan vada bene. Non penso al mio futuro in relazione alle vicende in Società. Rimpianto di non essere andato a Roma? Nella vita ho fatto tante scelte e non ho mai avuto rimpianti”.Su Catania e momento della squadra: “Troveremo una squadra agguerrita, abbiamo una classifica che dovrebbe essere diversa da questa e per questo dovremo lavorare per tornare a fare punti in campionato. La squadra martedì ha fatto una bella gara sotto il piano tecnico, è stato piacevole anche vedere come giocava la squadra. Sull’1-0 abbiamo comunque rischiato il pareggio, le partite dipendono anche dagli episodi. Sicuramente in campionato abbiamo sbagliato molto perché ci sono solo 14 punti in classifica, ma alcuni episodi ci sono andati contro. Dispiace anche non aver mai avuto a disposizione tutta la rosa, purtroppo per tanti infortuni traumatici come è successo col Celtic. Domani avremo una linea difensiva con Poli-Silvestre-Bonera-Emanuelson con Poli adattato a terzino. Fortunatamente abbiamo recuperato El Shaarawy. E’ in gruppo, deve ritrovare la forma ma ha grande animo e voglia. Domani dobbiamo comunque fare una partita tosta”.Allegri in esclusiva a Milan Channel: “Contro il Catania sarà difficile e molto importante per il campionato. Dopo Glasgow, che ci permette di arrivare contro l’Ajax con due risultati su tre, ci dobbiamo ributtare sul campionato e vincere. Questa situazione è delicata e in questo momento parlare non ha nessun senso. Tutti lavorano solo per il bene del Milan. Io ho solo la responsabilità tecnica della squadra. Noi dobbiamo pensare solo ai risultati e risalire la classifica. A Genoa abbiamo sbagliato molto in fase conclusiva, ma vincere a Glasgow non era semplice. Non si vinceva dal 1969 li ed è un risultato che questi ragazzi meritano quello che hanno fatto. Difficilmente porterò Mexes ed Abate a Catania. Mexes impossibile, Abate vediamo, ma la mia intenzione è che si curi. Da inizio campionato non ho mai avuto la rosa a disposizione. E più che infortuni muscolari, sono infortuni traumatici. Nel caso di Mexes poi la situazione è pazzesca. Abbiati ha avuto la febbre in questi giorni, dovrebbe esserci sennò giocherà Gabriel. L’importante è avere lo spirito giusto domani e stiamo bene fisicamente. De Sciglio sta lavorando per riprendere la condizione. El Shaarawy è da due mesi che non gioca, quindi ha bisogno di un po’ di minuti nelle gambe. Ha grandissima voglia di dimostrare il suo valore. Il Catania in casa è molto aggressivo e domani ci sarà da penare. Sul piano agonistico e tecnico, per creare i presupposti per portare a casa i 3 punti. La squadra martedì ha giocato bene, potevamo fare anche meglio in alcune fasi. I ragazzi sono stati comunque molto bravi nella gestione palla, alleggerendo la pressione. In Italia è diverso comunque. Quello che conta è comunque il risultato. A volte il calcio è deciso dagli episodi, e in alcuni momenti in campionato ti vanno contro. A noi succede così, oltre ai nostri errori. Genoa, Bologna, Parma sono gli esempi di quanto l’e. Kakà è stato un bene a livello tecnico e fuori dal campo. Balotelli a Glasgow ha giocato bene. Per le potenzialità che ha può fare ancora di più, ma sono contento di lui e di tutti i ragazzi. In campionato abbiamo fatti pochi gol rispetto alle occasioni create e per una squadra come noi subiti troppi. Dobbiamo invertire la tendenza. Noi dobbiamo pensare solo al campo. E’ normale che si leggano alcune cose, ma tutto questo non ci deve toccare. la questione è delicata, ma io insieme ai giocatori dobbiamo solo pensare a vincere le partite. Domani per Abate c’è lo 0,1% di possibilità di vederlo in campo”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy